San Casciano Val di Pesa (Firenze): guida e telefona, ma il vigile non gli contesta subito l’infrazione. Multa annullata

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Un vigile di San Casciano Val di Pesa lo vide parlare al cellulare ma non contestò subito l’infrazione. Per questo un automobilista si è visto annullare la multa dal giudice di pace. Il vigile urbano che decise di multarlo si limitò a prendere il numero di targa della vettura. Ora, decidendo su un ricorso del proprietario dell’auto, il giudice di pace di Firenze ha dichiarato illegittima la multa, perché in palese violazione dei diritti di difesa, e l’ha annullata. Inoltre il giudice ha condannato il Comune a pagare le spese legali sollevando l’automobilista da ogni onere.

La vicenda accadde a San Casciano Val di Pesa (Firenze) dove un agente municipale multò il conducente di un’auto in transito perché l’avrebbe visto parlare al cellulare. Però non lo fermò per contestargli la trasgressione. Dunque il destinatario, assistito dall’avvocato Fabio Generini di Firenze, ha fatto ricorso al giudice di pace ricordando che il codice della strada obbliga gli agenti a contestare subito la violazione.

 

Leggi anche:   Centro storico di Pistoia. La crescita passa dal commercio e turismo