Cresce il mercato auto usate, +0.8% in Toscana

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

AGIPRESS – L’interesse per il mercato delle auto usate cresce in Toscana: nel primo semestre 2019 le vendite di auto di “seconda mano” nella regione sono aumentate del +0,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Cosa cercano gli acquirenti? Nell’usato al primo posto in assoluto c’è sempre il diesel (58,2% delle richieste totali). Il prezzo medio delle vetture offerte sul mercato nella regione è pari a € 13.510, un dato inferiore sia alla media nazionale sia a Paesi come Francia, Germania, Austria, Spagna, Belgio e Olanda. Per le auto green (ibride ed elettriche), invece, il prezzo sale a € 25.380. L’età media delle auto in vendita è di 8,6 anni e tra i brand il più richiesto è Fiat, mentre tra i produttori di auto green spicca Toyota. Questo il quadro che emerge dall’Osservatorio di AutoScout24 (www.autoscout24.it), il portale di annunci auto e moto, leader in Europa, sul mercato delle auto usate in Toscana nel I semestre 2019. Secondo l’elaborazione del Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI, nel primo semestre 2019, rispetto ai primi sei mesi del 2018, i passaggi di proprietà sono infatti aumentati del +0,8% (a livello nazionale è +1%), raggiungendo 91.687 atti. Un dato che posiziona la regione al 9° posto in Italia per numerosità, ma se si confrontano i dati con la popolazione residente maggiorenne la Toscana si posiziona al 17° posto assoluto con 289,1 passaggi netti ogni 10mila abitanti. La classifica per passaggi di proprietà vede in testa Firenze con 22.467 (+0,2%), seguita da Pisa con 9.807 (-1,4%), Arezzo con 9.578 (+2,7%), Lucca con 9.305 (-2,5%), Pistoia con 8.695 (+3,5%), Livorno con 7.864 (-0,9%), Siena con 7.413 (+1,4%), Grosseto con 6.344 (+5,2%), Prato con 5.726 (+1,5%) e Massa-Carrara con 4.491 (+2,7%). Rispetto alla popolazione residente maggiorenne la situazione si trasforma: prima Pistoia con 351,4 passaggi ogni 10mila abitanti, seguita da Grosseto (331,3), Arezzo (328,4), Siena (325,5), Lucca (280,2), Pisa (276,2), Livorno (273,2), Prato (269,5), Massa-Carrara (265,6) e, fanalino di coda, Firenze (262,4).

Leggi anche:   Governatore Bankitalia, basta con gli immigrati capri espiatori