Autocertificazione: zone rosse, arancioni, arancioni scuro, quando serve

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Autocertificazione per gli spostamenti. In attesa di sapere, probabilmente oggi 5 marzo, se la Toscana resterà ancora per una settimana arancione o se dovrà cambiare colore, più confacente alla sua politica, riteniamo opportuno ricordare le principali regole che valgono per gli spostamenti nelle zone in cui è diviso il Paese.

Per spostarsi nelle zone arancioni scuro e nelle zone rosse serve il modello_autodichiarazione_editabile_ottobre_2020 per giustificare tutti i movimenti non consentiti dalle ordinanze. Ecco le regole che si devono seguire per la compilazione e quando deve essere utilizzato.

L’autocertificazione per uscire dopo il coprifuoco
L’autocertificazione serve in tutte le zone per uscire dalle 22 alle 5 (e dunque dopo il coprifuoco) per «comprovate esigenze» di lavoro, salute e urgenza.
Nelle zone arancioni serve l’autocertificazione:
– per uscire dal proprio Comune di residenza

Nelle zone arancioni scuro serve l’autocertificazione per giustificare questi spostamenti che invece sono vietati:
– andare nelle case private di amici e parenti se sono abitate
– andare nella propria seconda casa
– uscire di casa per andare a fare acquisti in più di una persona

Nelle zone rosse serve l’autocertificazione per giustificare questi spostamenti:
– uscire di casa per «comprovate esigenze»
– uscire dal territorio
– andare a casa di parenti o amici
– andare in una seconda casa

Regole per la compilazione:
1. Riempire tutti gli spazi sull’identità della persona che effettua lo spostamento.
2. Compilare l’indirizzo da cui è cominciato lo spostamento e quello di destinazione 3. riempire tutti gli spazi barrando la casella che indica la “situazione di necessità”
4. nello spazio – altri motivi ammessi dalle vigenti normative ovvero dai predetti decreti, ordinanze e altri provvedimenti che definiscono le misure di prevenzione della diffusione del contagio – specificare di che cosa si tratta
Chi non ha possibilità di stampare il modulo può chiederlo «agli operatori di polizia e può essere compilata al momento del controllo»

Leggi anche:   Coronavirus in Toscana: 41 morti, oggi 7 aprile. La strage continua. E 937 nuovi contagi