Montella: «Il palo di Muriel doveva essere gol». Mihajlovic: «Ci è mancata la convinzione»

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Fa buon viso, Vincenzo Montella, quando affronta microfoni e taccuini nel suo primo dopo partita del ritorno alla Fiorentina: «Ringrazio la squadra, che ha lottato, ci ha creduto e non ha avuto fortuna: mi riferisco al palo di Muriel e a un altro tiro, sempre di Luis, che avrebbe potuto avere miglior sorte. Abbiamo incontrato una squadra, il Bologna, che aveva fatto 12 punti nelle ultime partite, addirittura più della Juve. Non siamo mai andati in sofferenza, tranne che quell’errore nel finale, nato soprattutto dalla frenesia di vincere».

MONTELLA – Poi l’elogio al suo predecessore, Stefano Pioli: «Ho trovato la squadra in buonissime condizioni fisiche, visto questo momento della stagione. C’è da fare moltissimo, naturalmente. Chiesa ha cominciato un po’ più indietro, poi gli ho chiesto di avanzare. E’ mancata la vittoria, l’ho detto. Squadra impaurita? Ho la sensazione che abbia qualche timore di rischiare. Sensazione velata della para di vincere. Nel secondo tempo ci ha creduto, anche troppo. La Fiorentina può giocaresi le sue partite, le sue chances. Importante far bene a Torino con la Juve e poi ci sarà la partita di Bergamo. Cosa manca per far gol? Non parlerei di attacco asfittico, la squadra sa segnare. Chi riporterei della vecchia Fiorentina? E’ un giochino che non mi garba. Lupatelli, sì riporterei Lupatelli (che era il portiere di riserva ndr).»

MIHAJLOVIC – Quindi Sinisa Mihajlovic: «Per la prima volta ho ricevuto applausi a Firenze. Mi hanno sempre gridato serbo di m…, anche quando vincevamo. Comunque la vita va avanti, non ho rancori. Il risultato? E’ utile, ma con più convinzione avremmo potuto vincere l partita. Ho visto troppi lanci lunghi, alcuni errori sotto porta. Dobbiamo migliorare perchè avremmo potuto fare meglio e lasciare Firenze con qualcosa di più soddisfacente. Ripeto: abbiamo avuto meno coraggio e, probabilmente, meno convinzione. Nelle prossime partite dovremo cambiare e puntare in alto». Gli chiedono dell’atteggiamento della Juve a Ferrara. Mihajlovic: «Non guardo in casa d’altri, ma se Allegri avesse schierato con la Spal gli altri titolari sarebbe stato un fatto, perchè le riserve della Juve sarebbero titolari in qualsiasi altra squadra. Non capisco, invece, la scelta di mettere i ragazzini. Ovvio che la Spal ne abbia approfittato per vincere. Non mi sembra giusto quello che ha fatto la Juve, ma credo che a loro non importi molto delle mie parole».

Ernesto Giusti

Leggi anche:   Palamara attacca: vertici della magistratura frequentavano l’imprenditore Centofanti