Nuovo sconto di pena per un femminicidio, qualcosa non va nella legislazione

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Si tratta del terzo caso in pochi giorni, un femminicidio è stato sanzionato con pene più lievi della massima prevista, il che vuol dire che qualcosa nella legislazione non funziona e deve essere cambiato. In questo caso è stata la Suprema Corte di Cassazione a decidere, vale a dire il collegio giudicante più alto nella nostra giurisdizione. Il che comporta veramente qualche riflessione che ci induce a chiedere di cambiare le regole attualki, troppo favorevoli a chi delinque, nel solco di quella tradizione di legislazione cattocomunista, nata con la Legge Gozzini.

Anche in caso di discutibili perizie sul vizio parziale di mente, i giudici devono propendere per quella che, pur nel dubbio, consente al femminicida i relativi sconti di pena. Per questo la Cassazione – nonostante un agguerrito ricorso del Pg della Corte di Appello di Roma e dei familiari della vittima – hanno confermato la condanna a venti anni di reclusione, a fronte dell’ergastolo inflitto in primo grado, a carico di Antonio Palleschi, reo confesso della terribile uccisione di una insegnante di inglese avvenuta il primo novembre 2014. Sorpresa mentre faceva jogging nei pressi di Sora (Cassino), la donna – Gilberta Palleschi, di 57 anni, solo per caso omonima del suo assassino – venne gettata a terra e aggredita sessualmente, chiusa ancora viva nel bagagliaio dell’auto, gettata in una scarpata e finita a colpi di pietra.
Poi l”omicida andò a pranzo con un amico e il giorno dopo oltraggiò il cadavere della vittima mentre i familiari e le forze dell”ordine la cercavano. Fu trovata dopo quaranta giorni. In primo grado, il Gup aveva respinto la richiesta di perizia psichiatrica ritenendola senza alcuna base scientifica, e condannò Palleschi all’ergastolo senza isolamento per effetto del rito abbreviato.

La Corte di Appello di Roma, invece, nel 2017 riconobbe il vizio parziale di mente e ridusse la pena a venti anni. Invano nel ricorso il Cassazione, il Pg di Roma ha fatto presente che la perizia non ha formulato valutazioni di certezza diagnostica. Ad avviso della Cassazione, «il dubbio sulla sussistenza del vizio di mente deve essere apprezzato in relazione al canone di garanzia in dubio pro reo, sì che non è necessario che ricorra la prova certa del vizio parziale di mente». Grazie all’ipotesi del discontrollo dei suoi impulsi, l’omicida ha già chiesto la liberazione anticipata e sicuramenten l’otterrà. Tutti benefici pro reo che rendono sostanzialmente inefficace la sanzione, l’afflittività della pena. si pensa sempre a favorire inl reo in questo paese di anime buone, sante e generose, piuttosto indirizzate a manca, nessuno pensa mai allo strazio e al dolore delle famiglie delle vittime che dopo pochissimo tempo vedono liberi gli assassini dei loro cari.

Leggi anche:   Produzione Industriale, i dati Istat