Spesa digitale, Lazio e Lombardia in pole. Cultura e competenze digitali i principali ostacoli nelle PMI

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

AGIPRESS – La spesa ICT delle aziende italiane nel 2019 arriverà a 30,5 miliardi di euro. Il Nord Italia coprirà il 56% del mercato, ma a livello regionale sarà il Lazio a spendere di più – oltre il 20% del totale – seguito dalla Lombardia. Le micro imprese stanno investendo soprattutto in Security e Applicazioni Mobile, le piccole e le medie aziende, invece, in Applicazioni di Core Business. Ma un’azienda su tre dichiara come principale ostacolo alla Trasformazione Digitale la mancanza di competenze o di cultura aziendale adeguata. E’ quanto emerge da una nota diffusa sui nuovi approfondimenti della versione XL dell’Assintel Report, la ricerca sul mercato ICT e Digitale in Italia, realizzato da Assintel, Associazione Nazionale delle Imprese ICT e Digitali, con CFMT – Centro di Formazione Management del Terziario – insieme alla società di ricerca indipendente IDC Italia.

CLASSIFICA REGIONI – La classifica delle Regioni vede al primo posto il Lazio con quasi 6 miliardi e mezzo di euro (che rappresentano oltre il 20% di spesa ICT sul totale nazionale), seguito a stretto giro dalla Lombardia con 6 miliardi. Al terzo posto il Piemonte (4 miliardi), seguito dall’Emilia Romagna (3 miliardi) e dal Veneto (2,5 miliardi di euro). A livello di macro regioni, la classifica è guidata dal Nord Ovest (35%), al secondo posto il Centro (27%), al terzo posto il Nord Est (21%), chiude il Sud & Isole (17%). Ma la classifica cambia se dalla spesa ICT passiamo al percorso di Trasformazione Digitale che stanno – o non stanno – compiendo le aziende della Domanda. Sul podio le aziende del Nord Est (il 38% ha raggiunto almeno al 50% i propri obiettivi di Trasformazione Digitale), seguito dal Nord Ovest (32%), dal Centro (30%) e infine dal Sud & Isole (16%).

LE COMPETENZE RICHIESTE – Le aziende richiedono sempre più specifiche competenze digitali, per far fronte ai cambiamenti imposti dalla Trasformazione Digitale, ma il gap rispetto al mercato del lavoro resta elevato. Ecco in che aree si concentrano le richieste: Nord Ovest Social Network (53%), IoT (34%) e Cloud (24%); Nord Est: Cloud (44%), Social Network (42%), IoT (35%); Centro: Social Network (45%), Cloud (31%), Security (29%); Sud e Isole: Social Network (43%), IoT (37%), Data Science & Analytics (22%). (Agipress)

 

Leggi anche:   Digitale, in Italia vale il 3.7% del PIL