Il manager 4.0 per gestire il cambiamento e operare sui programmi europei

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Adeguare la propria professionalità ai nuovi contesti con l’acquisizione di specifiche competenze, strumenti, tecniche manageriali e progettuali in ambiti cruciali per lo sviluppo e la crescita di aziende e di organizzazioni

(dal 22 febbraio al 13 luglio 2019)

A CHI SI RIVOLGE

Gli scenari dinamici e complessi entro i quali operano Imprese, P.A., Università e Organizzazioni pubbliche o private richiedono competenze trasversali e ad alto contenuto di conoscenze per adeguare strategie, prodotti e strutture al modello 4.0. E’ in atto una vera e propria rivoluzione derivante dalla sempre più pervasiva diffusione di nuove tecnologie, dall’incremento esponenziale della produzione di dati e da nuovi modelli di business che richiedono nuove competenze che si collocano al di fuori di quelle tradizionali (di tipo giuridico/legale; economico/amministrativo; tecnico/ingegneristico; umanistico o scientifico). Sono necessarie expertises mirate per: valutare il potenziale di innovazione di aziende e organizzazioni pubbliche e private, cogliere le opportunità di mercato, pianificare il cambiamento, conseguire gli obiettivi di sviluppo, favorire l’evoluzione degli assetti organizzativi e accedere ai finanziamenti disponibili.

“Il manager 4.0 per gestire il cambiamento e operare sui programmi europei” fornisce in un unico percorso competenze molto specifiche di cui devono necessariamente disporre sia coloro che intendano proporsi come professionisti del cambiamento sia coloro che desiderino aggiornare, valorizzare e integrare le proprie competenze con una preparazione specifica per affrontare efficacemente le nuove sfide in atto.

Gli interlocutori a cui prioritariamente viene indirizzata l’offerta formativa sono:

  • Dipendenti interessati a migliorare la propria posizione lavorativa contribuendo allo sviluppo dell’azienda o dell’ente di appartenenza;
  • Consulenti o Professionisti interessati ad acquisire nuovi strumenti e nuove competenze per ampliare la propria clientela con servizi innovativi e di affiancamento al cambiamento;
  • Dirigenti pubblici o privati coinvolti nella definizione delle strategie innovative, nel reperimento di risorse aggiuntive e responsabili del conseguimento di obiettivi di sviluppo e/o di trasformazione organizzativa;
  • Ricercatori e universitari coinvolti in progetti europei;
  • Neolaureati che si affacciano sul mercato del lavoro e sono interessati a presentare curriculum aventi profili immediatamente spendibili in ambiti strategici e innovativi;
  • Soggetti interessati all’acquisizione della certificazione CAPM® (Certified Associate in Project Management) del Project Management Institute® come qualificazione spendibile a livello curriculare.

FINALITÀ

Il “modello 4.0” non riguarda solo i processi di automazione e controllo industriale. Interconnessione, produzione di dati e nuovi modelli di business stanno trasformando l’attuale sistema economico sociale in un organismo sempre più interdipendente e collegato. Siamo all’inizio di un processo di profondo cambiamento, basti pensare al crescente impatto dei social network, alle piattaforme mondiali di e-commerce, alle nuove forme di business nate dal contatto diretto tra offerta e domanda di alloggi, piuttosto che di servizi. Senza contare la spinta tecnologica continua che sta realizzando quello che fino a pochi anni fa la stessa comunità scientifica aveva dichiarato come non raggiungibile e che invece oggi stiamo sperimentando con i veicoli a guida autonoma.

Come questi cambiamenti  impatteranno nel mondo del lavoro e in quello delle professioni? Per affrontare i nuovi scenari non è sufficiente un mero adeguamento tecnologico, ma ancor prima è essenziale essere consapevoli delle evoluzioni in atto e acquisire gli strumenti culturali e tecnici più adatti per evitare di farsi trovare impreparati e soprattutto per cogliere le nuove opportunità.

La finalità del percorso formativo è quella di Integrare il bagaglio culturale e professionale dei partecipanti per rispondere ai cambiamenti in atto con l’acquisizione di specifiche competenze, strumenti, tecniche manageriali e progettuali in ambiti cruciali per lo sviluppo e la crescita di aziende e di organizzazioni complesse. In questo scenario il percorso formativo si articola su tre ambiti di competenze intimamente collegate che costituiscono i prerequisiti essenziali del cambiamento: capacità di focalizzare l’innovazione; capacità di intercettare le misure più adatte per finanziarla; capacità di pianificare correttamente le azioni per realizzare i progetti di cambiamento.

Leggi anche:   Le tecnologie per la viticoltura, a Montepulciano Enovitis in Campo

Per ulteriori informazioni: http://www.scuolaprogettazione.eu/