Spread Btp-Bund in netto calo (214 punti). Borse: nuovi governi spingono Milano e Madrid

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

I mercati cercano stabilità. Il colore dei governi, a quanto pare, conta poco. Mentre in Italia infuria l’attacco, da parte del Pd e della sinistra in generale, al nuovo governo gialloverde presieduto dal professor Giuseppe Conte, le borse chiudono in maniera assai positiva. In buona salute soprattutto Milano e Madrid, che guidano i listini nel giorno in cui Italia e Spagna hanno un nuovo premier. Nel momento in cui Conte giurava, Piazza Affari saliva del 2,5%, spinta dalle banche, che capitalizzano anche la discesa dello spread a 214 punti. La Borsa spagnola guadagna l’1,7%: in mattinata il Congresso dei deputati ha sfiduciato il premier conservatore Mariano Rajoy, incaricando di fatto il leader socialista Pedro Sanchez. Crescono anche Parigi (+1,2%), Francoforte (+1%) e Londra (+0,8%). L’euro, intanto, si rinvigorisce, attestandosi a quota 1,17 dollari (1,1689 ieri sera a New York). All’apice della crisi istituzionale, solo tre giorni fa, il differenziale tra il Btp a due anni e il corrispondente titolo tedesco era schizzato a 343 punti base, segnando i massimi dal 2012.

DAZI – Mercati asiatici in rosso nell’ultima seduta della settimana. Malgrado la distensione fra gli Usa e la Corea del Nord, gli investitori guardano con timore alla decisione del presidente americano Donald Trump di estendere a Europa, Canada e Messico i dazi su acciaio e alluminio. Restano invece sullo sfondo le questioni italiane, con la fine della gestazione del governo. In scia alla chiusura negativa di Wall Street, Tokyo ha lasciato sul terreno lo 0,14%. Scendono anche le Borse cinesi, con Shanghai che perde lo 0,9% e Shenzhen l’1,45%, mentre Hong Kong è in ribasso dello 0,16%. Giù Sidney, in calo dello 0,32%. Cresce invece Seul, che guadagna lo 0,64%. Positivi anche i futures sia per le Borse europee sia per Wall Street. Sostanzialmente stabile l’euro, a quota 1,1674 sul dollaro, contro l’1,1689 di ieri dopo Wall Street. Attesi in giornata il dato sul pil italiano nel primo trimestre e il tasso di disoccupazione a maggio negli Usa, oltre all’indice statunitense Pmi manifatturiero finale a maggio.

Sandro Bennucci

 

Leggi anche:   Pensioni: Corte Strasburgo boccia class action. Il decreto Poletti sulla mancata perequazione «non viola diritti»