Maltrattamenti su animali: fermati due trasportatori di Pisa. Per traffico di tordi e cesene

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

All’operazione hanno collaborato i carabinieri forestali di varie province: alla fine, un centinaio di volatili, in particolare tordi e cesene, è stato sequestrato a Brescia. Fermati due trasportatori abusivi, entrambi di Pisa, responsabili, secondo gli inquirenti, di un traffico tra Francia ed Italia. I volatili sono stati visitati da un veterinario che ha stabilito che sarebbero stati sottoposti ad operazione di sessaggio, e cioè incisi ad altezza del ventre per individuarne il sesso, mediante l”utilizzo di una colla ciano acrilica. Un’operazione finalizzata ad individuare e distinguere gli esemplari maschi dalle femmine e deciderne l’uso o la soppressione.

Tordi e cesene sono stati trovati in un’auto, ma dalle loro condizioni è stato evidente che in precedenza erano stati rinchiusi in spazi angusti per un lungo periodo di tempo, in totale assenza di cibo ed acqua, privandoli della possibilità anche solo di spiegare ed aprire le ali ed effettuare qualsiasi tipo di movimento. In un biglietto era segnato anche il loro valore, 9.360 Euro. Gli esemplari sono stati consegnati al Centro recupero animali Il Pettirosso di Modena. I due trasportatori sono stati fermati per maltrattamento di animali, ricettazione, contraffazione di sigilli e uso abusivo di sigilli. All’operazione hanno collaborato i Carabinieri Forestali di Vicenza, Brescia, Pisa e di Lucca e la Sezione Operativa Antibracconaggio e Reati a Danno degli Animali.

 

Leggi anche:   Firenze: Gobee Bike, arrivano le bici verdi cinesi. L’annuncio del sindaco Nardella