Pozzuoli: famiglia precipita nel fango bollente di una solfatara. Tre morti. Salvo solo bimbo di 7 anni

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Tragedia durante la gita. Tre persone sono morte all’interno del cratere della Solfatara di Pozzuoli (Napoli). Le vittime appartengono alla stessa famiglia che viveva in Veneto, a Meolo (Venezia): il padre, Marriso Carrer, di 45 anni, la madre, Tiziana Zaranella, di 42 anni, e il figlio Lorenzo, di 11 anni, mentre un altro bambino di 7 anni, Alessio, si è salvato. I tre sarebbero caduti nel fango bollente, in una voragine profonda tre metri, che si è aperta mentre padre e madre stavano inseguendo il figlio di 11 anni: questa la prima ricostruzione della tragedia – secondo quanto si apprende dalla Protezione Civile campana. Il ragazzino avrebbe superato la cordicella che delimita la zona visitabile penetrando nell’area interdetta alle visite. Ad estrarre i corpi delle tre vittime sono stati i vigili del fuoco. Sul posto sta andando il magistrato di turno.

Il bambino avrebbe oltrepassato il limite consentito del cratere finendo in una zona di ‘sabbie mobili’, terreno friabile da dove provengono forti esalazioni di gas e perdendo i sensi. Il padre, nel tentativo di tirarlo su è stato risucchiato e, a sua volta, la madre ha cercato di aiutare il marito: entrambi sono stati sopraffatti dalle esalazioni.

“Sono qui da quarant’anni e un incidente del genere non è mai accaduto”. A parlare è Armando Guerriero, titolare dell’omonimo bar che dal 1931 sorge a poca distanza dall’ingresso della Solfatara. Guerriero riferisce che poco dopo la tragedia il piccolo, l’unico sopravvissuto della famiglia, è stato portato all’interno del suo bar. “Abbiamo cercato di tranquillizzarlo, ovviamente era molto scosso”, aggiunge Guerriero. “Di continuo ci ha chiesto dei suoi familiari”, prosegue il titolare del bar.

Ernesto Giusti

 

Leggi anche:   Firenze, sicurezza: controlli di polizia e vigili urbani in molte zone della città