Incendi: evacuati tre poderi a Piancastagnaio. Lotta con il fuoco nella notte

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Non solo la centrale elettrica, ma anche tre poderi sono stati raggiunti o lambiti dalle fiamme. E in via precauzionale è stata preallertata, pronta per essere evacuata in caso di necessità, una casa di riposo alla periferia di Piancastagnaio. Interessati anche alcuni capannoni industriali. Nei tre poderi evacuati risiedono 8 persone che, spiega una nota della Regione Toscana, sono state ospitate nella palestra comunale, predisposta ad accogliere anche altri eventuali sfollati. Per fare fronte all”emergenza sono intervenuti anche i tecnici del Comune di Piancastagnaio supportati dalla Protezione civile regionale.

Oltre ai due aerei inviati dal servizio nazionale è arrivato sul posto anche un elicottero dell’esercito. La sala operativa della Regione (Soup) sta coordinando le attività, oltre che sul fronte antincendio, anche su quello della protezione civile. Per motivi precauzionali, Enel ha fermato due centrali geotermiche e anche alcune linee elettriche sono state staccate.

«Con l’intervento dei canadair la situazione sta leggermente migliorando, anche se sarà una lunga nottata perchè in alcuni punti le fiamme sono ancora alte». Lo ha detto il sindaco di Piancastagnaio, Luigi Vagaggini, che, dal primo pomeriggio, segue da vicino le operazioni coordinate dalla sala operativa regionale della Protezione civile per contenere l”incendio che fin da subito ha minacciato anche una centrale elettrica e attaccato alcuni poderi della zona. «Per motivi precauzionali era stata evacuata anche la Casa di sollievo, che si trova alle porte del paese. Ma dopo due ore passate nella palestra comunale, dove hanno trovato posto anche le famiglie evacuate dai poderi, gli ospiti, una decina di persone, hanno potuto far rientro nella struttura».

 

Leggi anche:   Serie A: Inter batte Sassuolo (2-1), vola a più 11 sul Milan e vede lo scudetto. La Juve supera (1-0) il Napoli e salva Pirlo