Morto Ayman Al-Zawahiri, leader di al-Qaeda

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Il leader di al-Qaeda Ayman Al-Zawahiri è morto, secondo quanto riferisce Arab News citando fonti della sicurezza afghane e pakistane. Il medico egiziano, succeduto a Osama Bin Laden alla guida dell’organizzazione terroristica, sarebbe morto una settimana fa a Ghazni, in Afghanistan, per problemi respiratori e complicanze dell’asma di cui soffriva, per le quali non ha ricevuto cure adeguate.

Una fonte della sicurezza pakistana delle zone tribali vicine al confine con l’Afghanistan ha detto di essere certo che sia morto per cause naturali. Un’altra fonte della sicurezza pakistana impegnata in operazioni dell’antiterrorismo ha riferito ad Arab News che al-Zawahiri è deceduto circa un mese fa. Una fonte di al-Qaeda in Afghanistan ha dichiarato che il leader dell’organizzazione è morto all’inizio di novembre e che la cerimonia funebre si è già svolta. ‘Quello che sappiamo è che aveva qualche problema respiratorio e che è morto da qualche parte in Afghanistan, ha aggiunto.

Al momento manca ancora la conferma ufficiale del decesso, sia da agenzia di sicurezza, sia dalla stessa al-Qaeda, ma Rita Katz, responsabile di Site, la scorsa settimana aveva definito la notizia della morte di al-Zawahiri come molto plausibile. E’ tipico, da parte di al-Qaeda, non pubblicizzare le notizie della morte dei suoi leader in modo rapido, ha spiegato. Anche Hassan Hassan, direttore del Center for Global Policy con sede negli Stati Uniti, ha affermato che al-Zawahiri è morto un mese fa per cause naturali. Tuttavia non è la prima volta che sono circolate notizie sulla morte del leader di al-Qaeda, così come sono molte le notizie diffuse sul suo stato di salute precario.

Leggi anche:   Coronavirus, bollettino del 26 novembre: 822 morti (totale 52.850), 29.033 nuovi contagi, 3846 ricoverati in terapia intensiva