Coronavirus: i morti in Italia sono 10. Tre 80enni le ultime vittime. Oms: mondo impreparato

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Il nuovo bilancio del coronavirus in Italia preoccupa ancora di più. Sono 10 le vittime accertate per il coronavirus in Italia: tre ultraottantenni sono morti nelle ultime ore. Il nuovo dato è stato fornito dal commissario straordinario Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa alla protezione civile. Quattro nuovi contagi: uno a Palermo, due casi in Toscana (Firenze e provincia di Pistoia) e il primo caso in Liguria, una donna di 70 anni ad Alassio (secondo quanto riferito dalla Regione). Sono 322 i contagiati in Italia per il Coronavirus. L’epidemia ha portato i contagi in tutto il mondo oltre la soglia degli 80 mila (quasi 78 mila solo in Cina). Questo il bilancio aggiornato.

Tutti coloro che sono stati negli ultimi 14 giorni nelle zone ‘focolaio’ italiane – quindi nei 10 comuni lombardi e a Vo’ Euganeo – devono comunicarlo alla Asl che dispone la sorveglianza sanitaria e l’isolamento fiduciario nella propria abitazione. E’ quanto prevede la bozza della nuova ordinanza, di cui l’ANSA ha preso visione, che il governo sta mettendo a punto per uniformare i comportamenti delle regioni fuori dall’aera del contagio. In Toscana sono in corso le indagini epedemiologiche sull’imprenditore 63enne di Firenze e sull’altra persona che risukterebbe contagiata in provincia di Pistoia. E’ risultata positiva al coronavirus la turista di Bergamo in vacanza a Palermo che ieri sera è stata ricoverata nell’ospedale Cervello. E’ stata disposta la quarantena per le persone che sono state a stretto contatto. Questo è il primo caso di coronavirus accertato nel Sud Italia. C’è il primo caso di coronavirus a Barcellona: una donna italiana di 36 anni residente in Spagna. Era appena rientrata da un viaggio in Italia, tra Bergamo e Milano.

E l’organizzazione mondiale della sanità commenta: Il mondo non è pronto a fronteggiare il Coronavirus. Il mondo semplicemente è impreparato. E’ l’avvertimento che il capo missione dell’Oms in Cina, Bruce Aylward, ha lanciato oggi, 25 febbraio, da Ginevra.

Sandro Bennucci

Leggi anche:   Coronavirus: 92mila test sierologici, distribuiti da mercoledì 8 aprile alle Asl della Toscana