TOSCANA – Incubatori impresa e start up house, accreditamenti 2019

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

AGIPRESS – Approvato dalla Regione Toscana, con decreto dirigenziale 19563 del 02 dicembre 2019, l’elenco dei soggetti accreditati come incubatori di impresa e start up house toscane a seguito dell’avviso di cui al decreto dirigenziale 6047 del 15/04/2019. L’elenco di tali soggetti sarà pubblicato sull’edizione del B.U.R.T. del 11/12/2019 n. 50 parte terza. 10 il numero complessivo degli iscritti per l’anno 2019, mentre i non ammessi sono 2, per un totale di 12 domande ricevute. “Incubatori d’impresa e start up house – spiega l’assessore alle attività produttive Stefano Ciuoffo – sono realtà, pubbliche o private, che accelerano e favoriscono lo sviluppo di nuove imprese mettendo loro a disposizione tutta una serie di servizi di supporto. Rappresentano il punto di contatto tra il mondo della ricerca e le aziende, promuovono la nascita di nuove iniziative imprenditoriali e le accompagnano nella fase delicata dell’avvio”. “Le imprese che si insediano presso realtà accreditate – ha continuato Ciuoffo – potranno contare su tutti i servizi immobiliari di base, di accompagnamento e tutoraggio compresi nel catalogo dei servizi avanzati e qualificati per le imprese toscane. Gli incubatori e le start-up house accreditati andranno a costituire una “Rete regionale” che sarà oggetto di specifica attività di promozione presso le imprese anche allo scopo di far conoscere le tipologie di servizi prestati dagli stessi con specifico riguardo a quelli di cui al “Catalogo dei servizi avanzati e qualificati”.”

La presentazione delle domande, una volta entrata a regime la procedura, è previsto che avvenga dal 1 giugno al 15 settembre. Dal 1 giugno ed entro il 15 settembre di ogni anno successivo all’iscrizione, i soggetti iscritti dovranno dare conferma o aggiornare i dati per poter mantenere l’accreditamento ottenuto. Inoltre, durante il periodo concesso di cui sopra, le strutture dovranno fornire l’elenco aggiornato delle imprese incubate.

Leggi anche:   Studio su industria 4.0 nel chimico-farmaceutico e arredo-casa