Salvini nega incontro con la Segre e aggiunge, ho ricevuto altro proiettile ma non piango

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Il leader della Lega, Matteo Salvini, all’Eicma a Milano a chi gli chiedeva se fosse favorevole o contrario alla scorta alla senatrice Liliana Segre nega di aver incontrato la senatrice, commenta la concessione della scorta e afferma, io ho ricevuto un altro proiettile, ma non piango.

Nel parlare con i giornalisti il leader della Lega non conferma l’incontro di ieri a Milano con la senatrice Liliana Segre. «Io gli incontri che ho li comunico. Gli incontri che non comunico io, per quanto mi riguarda, non ci sono. L’incontro con la Segre l’avrò più avanti. Lo chiedo io. Quando avverrà? Presto», ha aggiunto.«Il Viminale quando assegna una scorta lo fa con coscienza. Sono favorevole, se la polizia ha fatto questa scelta vuol dire che era necessaria. È una sconfitta, ogni scorta è una sconfitta, perché c’è qualche cretino che pensa di sostenere le sue idee con la violenza invece che con il pensiero. È chiaro che si deve utilizzare il meno possibile, perché ovviamente ti toglie un pezzo di libertà. E io ne so qualcosa, quindi spero che sia lo stretto necessario».

«A me è appena arrivato un altro proiettile, ma io non piango. In un Paese civile non dovremmo rischiare niente né io né la Segre» e parlando dello striscione di CasaPound contro Liliana Segre, ha sottolineato: «Io condanno ogni genere di violenza, rossa o nera che sia».
[attach 1]

Leggi anche:   Funerali di Luca Sacchi: chiesa gremita, ma la fidanzata Anastasya non c'era