Alitalia: il 15 ottobre scade il termine per le offerte vincolanti d’acquisto della compagnia, costata fi nora 8,7 miliardi

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Il 15 ottobre scadrà il termine fissato dal Ministero dello sviluppo economico (Mise) perché Ferrovie dello Stato (Fs) presenti un’offerta vincolante per l’acquisto di Alitalia. A pochi giorni dal traguardo, come vedremo tra poco, la situazione si è però complicata. Se il tentativo di Fs dovesse andare a vuoto, il rischio è quello del fallimento, o che si renda necessaria una nuova iniezione di soldi pubblici nelle casse di Alitalia. Ma quanto è costata finora la compagnia aerea agli italiani? Andiamo a vedere i dettagli.

Atlantia, la holding della famiglia Benetton che controlla anche Autostrade per l’Italia, avrebbe dovuto in teoria far parte della cordata con Fs per salvare Alitalia. La holding ha inviato il 2 ottobre una lettera al governo molto critica; da un lato viene infatti criticato il piano di rilancio, che consentirebbe al massimo “un rischioso salvataggio con esiti limitati nel tempo” e non la costituzione di “una piattaforma di rilancio della compagnia aerea”. Dall’altro si afferma che “il permanere di una situazione di incertezza in merito ad Autostrade per l’Italia” o, ancor più la revoca della concessione, “non ci consentirebbero (…) di impegnarsi” nel salvataggio di Alitalia. Atlantia mette nero su bianco che se – come vorrebbe il M5s – la concessione ad Autostrade per l’Italia venisse revocata, il gruppo non avrebbe la stabilità economica necessaria per imbarcarsi nell’operazione di salvataggio della compagnia aerea.

A questo punto, insomma, il rischio che la cordata guidata da Fs fallisca nel tentativo di acquistare Alitalia c’è. Le conseguenze, come anticipato, potrebbero essere il fallimento o l’iniezione di altro denaro pubblico nelle casse della compagnia. Ma quanto ci è costata finora Alitalia? Finora, secondo stime di Mediobanca aggiornate dal Sole 24 ore, lo Stato ha speso 8,7 miliardi di euro per tenere in vita l’ex compagnia di bandiera. Altre stime danno poi un totale ancora più elevato.

Leggi anche:   Contratto dei dipendenti pubblici, si cercano i soldi, ma il piatto piange