STARTUP – Dal coworking con area baby al “facilitatore” di crowdfunding, dal servizio di consegne in bici all’albergo diffuso

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

AGIPRESS – Un coworking che unisce postazioni di lavoro e servizi di babysitting, un “facilitatore” di crowdfunding tra enti finanziatori e organizzazioni del Terzo Settore, un servizio di consegne e ritiri in bici per una città che respira, un albergo diffuso per mantenere viva una comunità a rischio spopolamento: sono le idee vincenti, proposte rispettivamente da CO-STANZA, Feel Crowd, CycloLogica e Il Borgo, della prima edizione di Coopstartup Toscana, il programma di accompagnamento alla nascita di nuove cooperative toscane promosso da Legacoop Toscana e Coopfond (il fondo mutualistico di promozione e sviluppo di Legacoop). Quattro i premi, per un valore totale di 55mila euro, che sono stati assegnati ieri pomeriggio (giovedì 3 ottobre) a Firenze nella Sala Wanda Pasquini di Murate Idea Park: 3 premi ordinari da 15mila euro a fondo perduto per l’avvio della nuova impresa a CO-STANZA, Feel Crowd, CycloLogica e 1 premio speciale da 10mila euro, sempre come contributo a fondo perduto per l’avvio della nuova impresa, grazie al supporto di GSI-Casa Modena, alla cooperativa di comunità Il Borgo, costituita nel 2018 nell’omonima località (nel comune di Arcidosso) alle pendici del Monte Amiata. “Questa prima edizione del bando Coopstartup Toscana rafforza la nostra convinzione che la cooperativa sia un modello capace di rispondere alle esigenze dei giovani – commenta Irene Mangani di Legacoop Toscana -. Negli ultimi anni in Toscana abbiamo puntato sul lavoro di promozione e i risultati dicono che è una strada che vale la pena percorrere; andremo avanti in questa direzione, continuando anche nel percorso di rinnovamento e rafforzamento della rete di partner sul territorio”. “Coopfond è soddisfatto e contento del percorso fatto insieme a Legacoop Toscana attraverso il progetto Coopstartup – afferma Gianluigi Granero, Direttore Area Promozione Attiva di Coopfond – Abbiamo dimostrato ancora una volta che il modello cooperativo è un utile strumento per promuovere lo sviluppo territoriale e l’innovazione attraverso l’autoimprenditorialità”.

Leggi anche:   Digital marketing sempre più importante per il business delle PMI