Ristoro risparmiatori danneggiati crack banche venete è operativo

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

«Il ristoro ai risparmiatori danneggiati dal crack delle banche venete e’ operativo. Un’altra promessamantenuta dalla Lega al Governo». Lo afferma in una nota MassimoBitonci, deputato del Carroccio e sottosegretario all’Economia efinanze, esprimendo soddisfazione per il rapido nulla osta dellaCorte dei Conti al terzo decreto Fir (Fondo indennizzo risparmiatori) oramai prossimo alla pubblicazione in GazzettaUfficiale.

«Dalla data di pubblicazione – ricorda Bitonci – gli interessati avranno 180 giorni di tempo per presentare la domanda di indennizzo, soltanto in modalita’ telematica, ed i moduli sono reperibili sul sito della Consap. Gli azionisti avranno un ristoro pari al 30% del valore d’acquisto fino ad un massimo di 100 mila euro, agli obbligazionisti un rimborso del 95% fino al medesimo tetto. Abbiamo anche ampliato la platea – prosegue Bitonci – escludendo dalla soglia a 100 mila euro del patrimonio mobiliare le polizze vita e altri strumenti finanziari e dalla soglia di reddito a 35 mila euro nell’anno 2018 le prestazioni di previdenza complementare erogate sotto forma di rendita».

Leggi anche:   Fausto Coppi, il ricordo a 100 anni dalla nascita