Zingaretti: Renzi ha fallito, aspettiamo le decisioni di Mattarella

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

«Apriamo la crisi e vedremo con Mattarella quale è la forma migliore più seria e credibile per salvare l’Italia».Già al mattino, al Nazareno, Nicola Zingaretti aveva riposizionato il Pd sul fronte unitario, dopo l’ennesima giornata di polemiche tra i dem.

«C’è una crisi di governo in cui tempi e modi verranno decisi nelle prossime ore e poi ci sarà il presidente della Repubblica Mattarella, non Salvini, che deciderà i tempi e le scadenze», ha spiegato il segretario in un appello all’unità lanciato ieri mattina. Un appello, sottolineano in serata dal Nazareno, che ha funzionato. Perché al primo ‘step’ parlamentare della crisi, con la capigruppo del Senato, si è mostrato non con il suo tradizionale volto segnato dalle divisioni. La linea è stata concordata con Zingaretti, la segreteria è d’accordo, ha sottolineato Andrea Marcucci prima di partecipare alla capigruppo di palazzo Madama che ha fissato per oggi 13 agosto il voto sulla proposta di sentire Conte il 20 agosto in Parlamento. Una proposta del Pd. I dem si sono ricompattati dopo l’intervista di Matteo Renzi sul governo di scopo e le voci di scissione.

Sulle parole dell’ex segretario, al Nazareno non sono certo teneri: «La proposta di Renzi è fallita, ha fatto un buco nell’acqua: non c’è stata sponda da nessuno, ha avuto come unico effetto quello di provocare una rivolta social dei nostri e ricompattare il centrodestra». La maggioranza dem oggi ha sottolineato il fatto che è grave il fatto che la scissione oggi non sia stata smentita dai renziani, ma questo dimostra anche che il progetto è fallito tanto che già nessuno ne parla più.

Leggi anche:   Balcani Occidentali sono una delle priorità per la nuova Commissione Ue