START UP – Dyamer, il diario digitale della vita

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

AGIPRESS – Presentato al Web Marketing Festival di Rimini, DYAMER™, il risultato di tre anni di ricerca e sviluppo della startup Eternity di Andrea Pernarcic. Un nuovo modo di guardare alle nostre relazioni per “esserci dopo”, utilizzando le possibilità offerte dalla tecnologia. “Un sistema che custodisce e gestisce – grazie a un’app e un sensore – il trasferimento organizzato e documentato della nostra eredità culturale, affettiva e del nostro patrimonio materiale – si legge in una nota. Con DYAMER™ è possibile realizzare un archivio selettivo della nostra storia, dei nostri affetti, delle nostre relazioni, delle nostre scelte patrimoniali attraverso diari, foto, video, disposizioni. E questa sorta di archivio consapevolmente selettivo si trasformerà in messaggi, iniziative, atti che potranno raggiungere i rispettivi destinatari “dopo di noi”. Con il loro consenso.

“Eternity è nata formalmente quattro mesi fa, ma lavoro a questo progetto da anni” afferma Andrea Pernarcic, CEO e founder di Eternity: “Nel 2015 sono stato coinvolto in un grave incidente automobilistico. Da quel giorno ho iniziato a chiedermi come avrei potuto lasciare un messaggio a mia figlia se non fossi sopravvissuto. È nata così l’intuizione di DYAMER. Pazientemente e con cura ho selezionato ispiratori, collaboratori e partner. Sono certo che DYAMER potrà incidere profondamente sulle nostre abitudini e sulla consapevolezza delle nostre relazioni, a cominciare da quelle con le persone che amiamo perché rende possibile guardare in maniera diversa al futuro, oltre la nostra personale limitata esistenza”. “Siamo riusciti a raccogliere 300 mila euro da investitori privati e, attraverso la formula work for equity, un valore corrispettivo di altri 300 mila euro. Abbiamo pronto il nostro e-commerce e già da oggi è possibile preordinare Dyamer, con sconto promozionale. Il nostro business plan prevede anche lo sviluppo del canale fisico. Ora vogliamo continuare a crescere”

Leggi anche:   Biomedicale e imprese, BIO-ALL per nuovi approcci imprenditoriali