L’importanza delle strategie di web marketing per l’attrazione turistica

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

AGIPRESS – Cresce in maniera considerevole il turismo nei borghi in Toscana. Piccoli centri ricchi di storia e di arte, che, stando agli ultimi dati, registrano un aumento dell’incoming pari al 7,5%, con i turisti stranieri ad incidere per il 45%. Il segreto di tale successo? Internet. Ad affermarlo – in una nota – è Paolo Bomparola, tra i massimi esperti di online reputation e Presidente della Marketing01, azienda Premier Partner di Google, specializzata in strategie di web marketing e campagne di posizionamento seo e sem. “Spesso chi ha meno in termini di patrimonio storico, investe di più nella promozione, e così è stato ance nel caso dei borghi italiani, che sono riusciti ad attrarre un numero crescente di visitatori anche da mercati esteri. – Spiega Bomparola. – Analizzando le attività in rete degli ultimi 12 mesi, è evidente come operatori turistici e albergatori che operano in centri minori, abbiano avviato un maggior numero di attività volte ad ottenere un miglior posizionamento sui motori di ricerca. Internet fa ormai parte in modo permeante di ogni aspetto della nostra vita, e utilizzando gli strumenti adeguati supportati da una strategia ben studiata, è possibile influenzare in modo considerevole le scelte del pubblico di riferimento”. Secondo i dati raccolti, l’aggiornamento costante del sito web consente un miglioramento nel ranking dei motori di ricerca di circa il 10%, ma se a questo si associano campagne di promozione mirate, come ad esempio quelle AdWords, e la scrittura dei testi in ottica seo oriented, si può crescere anche fino all’80%. Dal momento che le prenotazioni, così come la scelta della destinazione di viaggio, avvengono in rete, si tratta di aspetti tutt’altro che trascurabili. In questo modo, infatti, è più facile intercettare i turisti digitali, aumentando il tempo di permanenza sulle pagine del proprio sito web di quasi il 70%. Migliora del 63% circa anche il numero di utenti che inviano richieste di informazioni o effettuano una prenotazione o acquistano un servizio.

Leggi anche:   Reddito di cittadinanza: mancano i lavoratori stagionali, non vogliono perdere l’assegno