Migranti: premier australiano riapre il centro detentivo dell’isola di Natale, a 2.000 km dall’ Australia

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Il premier australiano, il conservatore Scott Morrison, riaprirà il controverso centro detentivo offshore per i migranti sull”Isola di Natale: l”annuncio è giunto dallo stesso Morrison all”indomani della storica sconfitta del governo da parte del Parlamento, che ha approvato una proposta di legge volta a facilitare l”accesso alle cure mediche sul territorio a richiedenti asilo che ne abbiano necessità.
Secondo il premier, riporta la Bbc, la nuova legge indebolirà le rigide politiche anti-immigrazione del Paese incoraggiando allo stesso tempo i trafficanti di esseri umani. Dal 2013 l”Australia manda i richiedenti asilo che arrivano a bordo di imbarcazioni in centri di detenzione sull’Isola di Manus (Papua Nuova Guinea) e sullo Stato insulare di Nauru. In precedenza i richiedenti asilo venivano inviati sull”Isola di Natale, un territorio australiano nell”Oceano Indiano a circa 2.600 km dall’Australia e 300 km a sud dell”Indonesia

Leggi anche:   Comparto latte, approvata in Toscana mozione a tutela e sostegno