Tav: ecco il dossier costi-benefici. Per il Mit costa 7 miliardi di troppo. Salvini che cosa farà?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

La notizia non è tanto quella dell’arrivo dell’analisi costi-benefici sulla Torino-Lione commissionata dal governo con il risultato abbondantemente negativo. Era scontato, visti gli esperti, che fosse fortemente negativa sulla realizzazione di un’opera ritenuta, ormai da anni, fondamentale per l’Italia e l’Europa. La curiosità è capire, ora, che cosa farà Salvini? Accetterà il canto di vittoria di un Movimento 5 stelle che sta dimezzando i voti del 4 marzo, oppure raccoglierà il grido di dolore del Nord che produce e obbligherà gli alleati a trovare una soluzione. Oppure deciderà di dare una spallata a questo governo anomalo? Intanto diciamo che sul sito del ministero delle Infrastrutture è stato pubblicato il testo. «L’analisi condotta – scrivono nelle conclusioni gli esperti del Mit – mostra come, assumendo come dati di input relativamente alla crescita dei flussi di merce e dei passeggeri e agli effetti di cambio modale quelli non verosimili contenuti nell’analisi costi-benefici redatta nell’anno 2011, il progetto presenta una redditività fortemente negativa».

«Nello scenario ‘realistico’ – scrivono – il valore attuale netto economico (Vane), ovvero il saldo tra i costi e i benefici, risulta pari rispettivamente a -6.995 milioni considerando i costi ‘a finire’ (escludendo i soldi già spesi) e a -7.949 milioni qualora si faccia riferimento al costo intero. La Tav – si legge ancora – avrebbe un impatto sulle finanze pubbliche degli Stati interessati superiore alla sola somma dei costi di investimento e di gestione: a questi devono infatti essere sommate le minori accise che – si legge nell’analisi costi-benefici del Ministero delle infrastrutture e trasporti – portano il bilancio complessivo da 10 a 11,6 miliardi (flussi attualizzati) nello scenario realistico e a 16 miliardi in quello Osservatorio2011».

«Mi riservo di vedere nel dettaglio i numeri, ma dalle prime indicazioni mi sembra che dalla farsa alla truffa», il Commissario Straordinario per l’Asse Ferroviario Torino-Lione, Paolo Foietta, commenta così l’analisi costi benefici del governo sulla Tav. «E’ una analisi truffa realizzata per far quadrare i conti in base a quello che vuole il padrone – denuncia sostenendo che i costi sono ampiamente gonfiati – mentre c’è una enorme sottovalutazione dei benefici ambientali e sociali».

Sandro Bennucci

Leggi anche:   il sindaco di Pistoia, Alessandro Tomasi (Fdi), a causa di un post (volutamente inesatto, precisa il sindaco) pubblicato ieri sera sempre su Fb, riguardante la demolizione di alcuni locali della parrocchia di Vicofaro, dove si trova il centro di accoglienza profughi gestito da don Massimo Biancalani. I locali in questione sono attinenti alla Pizzeria del rifugiato, gestita dagli stessi ospiti del centro di accoglienza