Tramvia T2 per Peretola: dopo l’inaugurazione grande festa il 24 febbraio a Novoli. L’annuncio di Nardella

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Oggi l”inaugurazione della nuova linea T2 della tramvia all”aeroporto di Peretola con il Capo dello Stato Sergio Mattarella, domenica 24 grande festa a Novoli, invitati tutti i cittadini. E” quanto spiega il sindaco Dario Nardella su Fb fornendo qualche informazione sull”evento di domani: la cerimonia ufficiale, alle 12, “per motivi di sicurezza è al chiuso con le autorità e gli operatori della tramvia. All”esterno però ci sarà un maxischermo” per poterla seguire e dove Mattarella “passerà a fine evento per un saluto prima di salire sul tram. Per chi volesse partecipare ci saranno anche delle navette gratuite dal parcheggio scambiatore di viale Guidoni (ingresso viale XI Agosto)”.
La tramvia entrerà poi regolarmente in servizio dalle 14.30: «I tram – spiega sempre Nardella – saranno pronti lungo la linea, dalle stazioni di Piazza dell”Unità, Ponte all”Asse, Buonsignori Liceo Da Vinci, San Donato Università, Novoli Regione Toscana, Novoli Torre Degli Agli, Aeroporto. Vi ricordo che la T2 sarà gratuita per due settimane e che dopo il biglietto costerà come per la T1 euro 1.50. Ancora, domenica 24 febbraio dalle 10 in poi grande festa della tramvia a Novoli: tutti i fiorentini sono invitati! Vi aspetto, per festeggiare insieme questo grande traguardo. Viva Fiorenza, viva la tramvia!».
Intanto Gest, la società di gestione della tramvia, spiega che, con la partenza della nuova linea che collegherà piazza dell”Unità d”Italia con l”aeroporto di Peretola, scatteranno le nuove frequenze che comporteranno alcuni cambiamenti anche sul servizio della linea T1. Confermata comunque la frequenza di 4 minuti e 20 secondi nelle fasce di punta. I cambiamenti, si spiega ancora, sono dovuti alla fase
di avvio della linea T2 e alla sua integrazione con la T1, per verificare e mettere a punto gli incroci, le tecnologie di controllo e di comunicazione. Per capire, in base alla distribuzione dell”affluenza, come e se adeguare le frequenze nella fase di assestamento. Nelle prime settimane il servizio sarà monitorato e nel caso si rendano necessari alcuni cambiamenti il servizio sarà adeguato in corso d”opera in accordo con l”Amministrazione comunale.

Leggi anche:   Camera dei deputati, oltre 1 milione per spese telefoniche e 6 milioni per igiene e pulizie