Unione Europea: Italia avrà meno fondi, accordo sul bilancio fra Macron e Merkel

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Francia e Inghilterra si accordano contro l’Italia sul futuro Bilancio dell’eurozona. I tedeschi hanno accettato la proposta del presidente francese Emmanuel Macron di dare vita ad un Fondo Europeo ad hoc che «garantirà la stabilità dei paesi aderenti all’euro». In un quadro di regole stringenti, probabilmene più robuste di quelle attuali, questo Fondo sosterrà investimenti e riforme ma sarà messo a disposizione solo di quei Paesi europei i cui conti pubblici resteranno dentro i parametri concordati con Bruxelles. Insomma i Paesi che imbriglieranno meglio i proprio conti pubblici per evitare l’asfissia da austerità potranno contare su fondi europei per avviare iniziative di crescita.

L’accordo, i cui dettagli e la portata finanziaria saranno resi noti lunedì 19 alla riunione dell’eurogruppo (cioè dei 19 ministri del Tesoro dei paesi aderenti all’euro), ha una evidente importanza soprattutto per il futuro dell’Unione e sembra dare il via ad una nuova fase delle politica comune europea. Il si tedesco mette in moto uno scenario che probabilmente sfocerà in una cessione di maggior potere a Bruxelles e all’eurogruppo che dovrebbe stabilire il percorso di convergenza dei 19 paesi dell’eurozona verso un’unica politica economica comune finanziando le iniziative di crescita per quei governi che accetteranno di risanare la propria spesa pubblica.
Il Fondo per lo Sviluppo sarà finanziato dai singoli Paesi ma è evidente che la Germania ha accettato di contribuirvi con il proprio peso economico in cambio di una cessione di potere effettiva a Bruxelles che potrà intervenire sui bilanci dei paesi dell’eurozona sia con il bastone delle penalizzazioni per chi sfora il deficit sia con la carota di finanziamenti per la crescita.

Leggi anche:   Allarme spray al peperoncino in Piazza San Lorenzo