Monte Paschi: utile 379 milioni, raccolta in calo, crediti deteriorati diminuiscono

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Mps ha chiuso i primi nove mesi con un utile di 379 milioni di euro, di cui 91 riferiti all’ultimo trimestre. Al 30 settembre del 2017 i conti indicavano una perdita di 3 miliardi di euro

Al 30 settembre 2018 i volumi di raccolta complessiva del Gruppo sono risultati di 193,3 miliardi di euro, stabili rispetto al 31 dicembre 2017, ma in calo di 2,6 miliardi di euro rispetto al 30 giugno 2018. La causa è il decremento della raccolta diretta. Lo rende noto la banca.
Gli impieghi alla clientela sono aumentati dello 0,5% rispetto al 30 giugno 2018, grazie anche alla continua crescita delle nuove erogazioni di mutui. I volumi di raccolta diretta, che si sono attestati a 93,9 miliardi di euro, risultano in calo di 3,9 miliardi di euro rispetto ai valori di fine dicembre 2017 (principalmente sul comparto obbligazionario) e di 2,9 miliardi di euro rispetto a fine giugno 2018, principalmente per il calo dei conti correnti, con 1,4 miliardi di euro in meno, e delle obbligazioni, con 800 milioni di euro in meno.

Nei primi nove mesi del 2018, l’esposizione dei crediti deteriorati lordi del Gruppo Mps è risultata pari a 19,5 miliardi di euro, in flessione di 23,4 miliardi rispetto a fine dicembre 2017, essenzialmente per le cessioni, e di 300 milioni rispetto al 30 giugno 2018. In particolare, l’esposizione lorda del comparto sofferenze si riduce di 21,4 miliardi di euro rispetto al 31 dicembre 2017 ed è in aumento di 500 milioni rispetto al 30 giugno 2018. In flessione di 1,9 miliardi l’esposizione delle inadempienze probabili su dicembre 2017 e di 700 milioni su giugno 2018.
Le esposizioni scadute deteriorate sono sostanzialmente stabili rispetto al 30 giugno 2018.

Leggi anche:   Brexit: intesa con UE, May convoca il Governo per approvarla