Età pensionabile: il limite e la media negli altri paesi d’Europa

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

L’età pensionabile ufficiale è in aumento nella maggior parte dei paesi del mondo: i governi cercano di bilanciare le pensioni e gonfiare le finanze pubbliche. Sebbene molti governi vogliano vedere i propri cittadini lavorare fino a 67 anni, l’età per andare in pensione è spesso inferiore a quanto si crede. Scopriamo in quali paesi le persone lavorano più a lungo, anche se ovunque esiste una rilevante differenza fra età di pensionamento legale e quella reale.

Francia : 62 anni – In Francia, le donne vanno in pensione in media a 60,3 anni, un po’ più tardi degli uomini, che in genere si congedano a 60 anni. Questi numeri sono al di sotto dell’età ufficiale, che è stata recentemente aumentata a 62 anni. Detto questo, i francesi hanno il diritto di ricevere l’intero importo della loro pensione all’età di 67 anni, cinque anni dopo, perché il governo incoraggia i cittadini a lavorare più a lungo.

Belgio : 65 anni – I cittadini belgi vanno in pensione ufficialmente all’età di 65 anni, ma la maggior parte di loro smette di lavorare diversi anni prima, grazie ai programmi di pensionamento anticipato, quindi l’età media effettiva è di 60,5 anni. Il piano pensionistico pubblico, una volta generoso, è stato rivisto nel 2011, quando l’età del pensionamento anticipato è salita a 62 anni e il numero di anni di attività a 40 anni. L’età di pensionamento ufficiale sarà 66 nel 2025 e 67 nel 2030.

Grecia: 67 anni – In media, i greci vanno in pensione all’età di 61 anni. Non sorprende quindi che il governo, innalzando l’età ufficiale a 67 nel 2017 – due anni in più per gli uomini e cinque per le donne –
abbia causato un’ondata di proteste. Questa misura è stata presa nel tentativo di ridurre i costi, dopo che il paese ha ricevuto un sostegno finanziario dagli altri paesi dell’Unione europea. Alcuni paesi europei sono stati riluttanti ad aiutare il governo greco, dal momento che molti dei suoi cittadini andavano in pensione verso la cinquantina.

Polonia: 65 anni – In contrasto con la tendenza generale, il governo polacco ha recentemente abbassato l’età pensionabile da 67 a 65 per gli uomini e 60 per le donne. Dal momento che il governo precedente aveva aumentato l’età pensionabile, questo cambiamento applicato dal Partito Legge e Giustizia si è dimostrato popolare tra gli elettori. La nuova età pensionabile riflette meglio la realtà poiché la maggior parte dei polacchi lavora in media fino a 61,2 anni.

Spagna: 65 – 67 anni – L’età pensionabile ufficiale in Spagna aumenterà gradualmente da 65 a 67 anni entro il 2027, ma in media gli spagnoli andranno in pensione a 62,4 anni. Il governo è stato messo sotto pressione da parte di investitori e organizzazioni internazionali per far lavorare i propri cittadini più a lungo e ridurre così la spesa pubblica. I sindacati hanno minacciato di scioperare in risposta all’aumento dell’età pensionabile, ma si sono arresi dopo l’annuncio del governo, secondo cui i lavoratori potevano ancora andare in pensione a 65 anni, purché avessero versato un minimo di 38 anni di contributi.

Paesi Bassi : 65 anni – Gli olandesi possono attualmente smettere di lavorare a 65 anni, ma la media reale nel paese è intorno ai 63 anni. Tuttavia, il governo, preoccupato per i costi dell’invecchiamento della popolazione, ha iniziato ad aumentare gradualmente l’età pensionabile, per raggiungere i 66 anni nel 2020 e 67 anni nel 2025. Il governo sta anche cercando di incoraggiare i cittadini a lavorare più a lungo offrendo maggiori contributi a coloro che sono ancora occupati oltre l’età pensionabile, e bonus ai datori di lavoro che li assumono.

Leggi anche:   Pensioni: Boeri, i conti del Governo non tornano, lo spread riduce gli assegni

Finlandia : 63 anni – I finlandesi sono incoraggiati al congedo dopo il loro 65° compleanno, ma vengono offerti loro grandi benefici se continuano a lavorare fino ai 68 anni. Tuttavia, la legge consente loro di smettere di lavorare all’età di 63 anni e, con un’età media di pensionamento di 62,9 anni, molti approfittano di questa opportunità.

Germania: 65 anni – I tedeschi possono attualmente andare in pensione a 65 anni, ma la maggior parte smette di lavorare a 63 anni. L’età della pensione è 65 anni per le persone nate prima del 1947, 67 per quelle nate dopo il 1964, e da qualche parte nel mezzo, su scala crescente, per quelli nati tra questi due anni. I politici hanno persino considerato di aumentare l’età pensionabile a 69 nei prossimi decenni, al fine di compensare il problema dell’invecchiamento della popolazione. Finora, non c’è una riforma concreta per attuare questo progetto.

Danimarca: 65 – 67 anni – L’età pensionabile ufficiale per i danesi è di 65 anni, ma si prevede che aumenti gradualmente fino a 67 entro il 2025. Dopo tale data, l’età pensionabile dipenderà dalle fluttuazioni dell’aspettativa di vita. Tuttavia, in realtà, i cittadini lasciano il loro lavoro subito dopo i 63 anni. La pensione danese è considerata la migliore del mondo, secondo il rapporto dell’indice globale Mercer Melbourne sui sistemi pensionistici.

Regno Unito: 65 anni – L’età pensionabile ufficiale nel Regno Unito è di 65 anni per gli uomini: tuttavia, la maggior parte smette di lavorare qualche mese prima di ricevere la pensione, e l’età reale di pensionamento è di 63,9 anni. Le donne sperimenteranno un aumento ampio e controverso dell’età pensionabile da 60 a 65 anni nel novembre 2018. Tutti i cittadini stanno affrontando un graduale aumento a 66 anni nel 2020; un altro aumento (fino a 68 anni) avverrà entro il 2037 al più tardi.

Svezia: 65 anni – Gli svedesi possono ricevere la pensione pubblica, proporzionale al loro reddito, dall’età di 61 anni, ma l’età che garantisce una pensione di anzianità è di 65 anni. L’età minima di pensionamento dovrebbe salire a 64 entro il 2026. Tuttavia, questo aumento avrà un effetto limitato sulla maggior parte degli svedesi, che già smettono di lavorare in media a 64,5 anni.

Irlanda : 66 anni – Tutti i cittadini irlandesi possono iniziare a ricevere la pensione di vecchiaia a 66 anni, ma in realtà gli uomini si congedano in media fino al giorno prima del loro 67° compleanno, mentre le donne smettono di lavorare intorno ai 64 anni. L’età ufficiale deve aumentare a 68 entro il 2028, e sarà uno dei limiti più alti del mondo. Il governo ha anche recentemente aumentato l’età pensionabile dei suoi dipendenti pubblici da 65 a 70 anni.

Portogallo : 66 anni – In media, gli uomini vanno in pensione a 69 anni, mentre le donne smettono di lavorare poco prima del loro 65esimo compleanno. Ufficialmente, sia uomini che donne possono andare in pensione a 66 anni e 3 mesi – un limite che salirà a 67 nel 2029. L’età ufficiale è aumentata lo scorso anno a causa dell’aumento dell’aspettativa di vita e della pressione sul governo, che ha ottenuto l’assistenza finanziaria internazionale nel 2011, e che quindi deve risparmiare denaro.

Leggi anche:   Certificati malattia in aumento fra i lavoratori privati (+6,8), diminuiti nel pubblico (-3,1%)

Norvegia : 67 anni – L’età della pensione in Norvegia è stata di 67 anni per gli uomini e le donne fin dagli anni ’70, e la maggior parte di loro lavora fino alla vigilia del loro 67esimo compleanno. Tuttavia, questo limite è ora flessibile, basato sul reddito, e i norvegesi possono riscuotere la pensione non appena compiuti 62 anni. Non è previsto alcun aumento dell’età in futuro.

L’Italia rientra in queste medie, infatti il limite si sta innalzando al livello degli altri Paesi europei.