Italia-Ucraina a Genova (mercoledì 20.30, diretta Rai1): prova per la Polonia. Omaggio alle vittime del Ponte

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

La Nazionale giocherà domani, mercoledì 10 ottobre, in amichevole, a Genova, contro l’Ucraina (ore 20,30, diretta su Rai1), prova generale in vista della difficile e decisiva (l’Italia rischia la retrocessione in B nella Nations League) partita di domenica in Polonia. Stasera, 9 ottobre, in occasione del walk around allo stadio Ferraris, il ct e i giocatori incontreranno un centinaio di bambini e ragazzi della zona rossa di Genova oltre ai 9 orfani del crollo del Ponte Morandi (sarà una visita privata di Mancini) cui la Figc ha destinato una borsa di studio per i prossimi tre anni. Prima di raggiungere lo stadio, la Nazionale si recherà in prossimità del Ponte per rendere omaggio alle vittime della tragedia.

Intanto la Nazionale continua a perdere pezzi: agli acciaccati Romagnoli, Cutrone e D’Ambrosio, che già lunedì hanno lasciato il ritiro, si è aggiunto questa mattina Simone Zaza, dopo il risentimento al polpaccio sinistro rimediato durante la sessione di lavoro di ieri. L’attaccante del Torino, cui era stato subito applicato un bendaggio, ha effettuato stamani a Coverciano una serie di esami che hanno escluso lesioni: tuttavia, a scopo precauzionale, è stato deciso di dispensarlo dagli impegni azzurri e Mancini lo ha sostituito con l’attaccante dell’Udinese Kevin Lasagna che, si aggregherà direttamente a Genova. L’amichevole con l’Ucraina sarà la prova generale per la Polonia, domenica. Appunto una gara da vincere per l’Italia che non ottiene i tre punti in una partita ufficiale da un anno esatto, 1-0 in Albania il 9 ottobre 2017, valida per le qualificazioni ai Mondiali. Mancini medita di confermare il 4-3-3 pur tenendo aperta anche l’ipotesi del 4-4-2: possibile una maglia da titolare in attacco per Immobile (sceso in campo stamani senza più fasciatura alla mano) coadiuvato da Bernardeschi (o Chiesa) e da Insigne, suo vecchio compagno ai tempi del Pescara. Al gruppo si sono già aggregati anche i neo convocati Tonelli e Piccini.

Sandro Bennucci

 

Leggi anche:   Auto con targa straniera: stop ai furbetti. Chi risiede in Italia da 60 giorni deve cambiarla