Serie A: Cristiano Ronaldo si sblocca con 2 gol. Juve in fuga. Roma e Inter arrancano

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Aspettavano i suoi gol come se fosse una donna incinta che dovesse sgravare. E Cristiano Ronaldo si è sbloccato con una doppietta al Sassuolo: così la Juventus prende il volo. La serie A applaude alle prime scintille di Cr7, e ai bianconeri mancava solo il sigillo del suo uomo nuovo per dare un ulteriore scossone al campionato. Alla ripresa dopo le nazionali si staccano Inter e Roma. Spalletti è scivolato ieri sul Parma, Di Francesco ha preso il brodino di un pari col Chievo (che ne aveva subiti sei dalla Fiorentina) dopo la rimonta di due gol dei veneti, che sono ancora a -1 dopo la squalifica per le false fidejussioni. Col quarto gol di Piatek, che raggiunge Defrel in testa della classifica marcatori, il Genoa regola il Bologna mentre c’e’ un punto per uno tra Udine e Torino. La Fiorentina, battuta a Napoli per lo scarso coraggio del suo allenatore (si è arroccato rinunciando a Pjaca, che avrebbe potuto affiancare bene il solitario Simeone), cercherà di rifarsi mercoledì 19 settembre nel recupero di Marassi contro la Sampdoria. Anzi, sarà obbligatorio per i viola far punti per non precipitare troppo presto nel limbo della classifica.

Dicevamo della Juventus: il Sassuolo di De Zerbi mostra di meritare i punti in classifica, Boateng lotta caparbiamente con Bonucci, poi alla distanza la qualita’ bianconera fa la differenza. Facile il primo gol di Cr7, un tocco in rete dopo un maldestro passaggio indietro di Ferrari che Consigli aveva respinto, poi nel secondo si rivedono i fondamentali della casa: contropiede di Emre Can, allungo al portoghese che si porta sulla sinistra e incrocia sul palo lontano. Grande gioia, pubblico scatenato, poi Ronaldo si mangia altri due gol, riservando forse gli altri per l’esordio di mercoledì a Valencia in Champions. Ma alla fine i bianconeri perdono colpi, Babacar segna il 2-1, Douglas Costa si fa espellere dal Var per un inqualificabile sputo a Di Francesco. Ma la Juve resta a punteggio pieno e alle spalle rimane solo il Napoli, senza convincere del tutto.

Nuovo imbarazzante passo falso della Roma, che Di Francesco riporta al 4-3-3. Buon primo tempo con convincenti gol di El Shaarawy (su cross di Florenzi) e di Cristante, su invenzione di Dzeko. Sembrano tre punti in archivio, con varie altre occasioni sprecate, poi nella ripresa la Roma evapora e la difesa, che ripropone con scarso successo Juan Jesus, va in barca. Il Chievo si riporta sotto con un gran tiro di Birsa e il pari di Stepinski alla fine certifica lo scarso amalgama tra i reparti e una condizione ancora difettosa della Roma. E la Juve è già a +7. Una partita dura, spigolosa, contratta tra Genoa e Bologna che viene decisa con una prodezza dal nuovo grande talento scoperto da Preziosi: il polacco Piatek trova un angolino micidiale da fuori area regolando tre punti d’oro al Genoa mentre il Bologna è ancora a un punto. Pari combattuto tra Udinese e Torino: Zaza entra subito al posto dell’infortunato Iago Falque, poi i friulani al primo tiro segnano con una bella sgroppata di De Paul. Nella ripresa Toro più concreto e pari meritato con un gran tiro di Meitè, al secondo gol in seria A.

Leggi anche:   Lavoro, Di Maio: «Torna la cassa integrazione per cessazione». Oggi il decreto

Ernesto Giusti