Dal 13 al 16 settembre XII edizione del Mercato Europeo Prato

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Torna il tradizionale appuntamento col Mercato Europeo Prato, organizzato da ANVA e Confesercenti, arrivato alla sua XII edizione. Di fatto un evento molto atteso dal pubblico pratese e non solo, che si tiene nel cuore della città (Piazza Duomo, via Magnolfi, Largo Carducci). Moltissime anche quest’anno le specialità agroalimentari che – dal 13 al 16 settembre – inonderanno la Piazza di colori e sapori, proprio come nelle scorse edizioni.
Sono infatti presenti operatori arrivati da molte nazioni europee che ad esempio propongono per il settore alimentare, formaggi francesi così come il tradizionale abbinamento proveniente dalla Germania con birra e stinco di maiale, o ancora la torta sacher austriaca; si trovano inoltre prodotti artigianali di varia natura, come le composizioni floreali olandesi.
Complessivamente, il mercato vede la presenza di stand provenienti dalla Germania, dalla Francia, dalla Finlandia, dall’Austria, dal Belgio, dall’Inghilterra, dal Portogallo e dall’Olanda. Sono circa sessanta i banchi ad animare sia la Piazza principale che la via Magnolfi, anche con l’intento di portare un più ampio respiro commerciale e di visibilità ad una bellissima strada.
Gli stand resteranno aperti per l’intera giornata. Nel complesso, la manifestazione è orientata a incentivare la fruibilità del centro storico in tutte le sue particolarità, sia commerciali sia di interesse storico artistico, attirando visitatori anche da fuori città. Rappresenta pertanto un’occasione importante per Prato anche in chiave turistica: chi deciderà di visitare il mercato europeo, avrà la possibilità ammirare le varie ricchezze artistiche di Prato.
In definitiva, come nelle edizioni precedenti e vista la grande frequentazione dell’iniziativa, il Mercato Europeo rappresenta un modo per pubblicizzare complessivamente la città nel suo complesso.

Leggi anche:   espulsi 24 migranti sgomberati dal centro Baobab, erano irregolari