Aferpi: l’azienda conferma investimenti e rassicura i sindacati nuovamente agitati

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Il gruppo indiano Jindal ha chiesto una gestione dei costi dello stabilimento oculata confermando gli investimenti. Lo riferiscono le segreterie provinciali di Fim, Fiom e Uilm che nella serata di oggi sono state convocate dalla direzione del personale di Aferpi a seguito della richiesta di un incontro ieri degli stessi sindacati che volevano essere aggiornati sull’andamento della gestione del personale all’interno dello stabilimento di Piombino (Livorno).
«La direzione ci ha riferito – spiegano i sindacati in una nota congiunta – che l’attività dei nuovi ingressi avvenuta a fine agosto è in gran parte sospesa e dovrebbe ripartire successivamente a ridosso della ripartenza dei treni di laminazione». Rassicurazioni arrivano anche su investimenti e sulla gestione attenta dei costi. «Il gruppo indiano – si prosegue nella nota – nel confermare gli investimenti ha richiesto una gestione dei costi dello stabilimento oculata e in controtendenza rispetto a quella registrata fino a oggi». I sindacati hanno ribadito la necessità della rotazione nei reparti e di incontri periodici e costanti per monitorare la situazione e impedire che la gestione dei costi non metta in discussione né gli interventi per far ripartire tutti i treni di laminazione, né gli studi di fattibilità per tornare a produrre acciaio e né gli interventi necessari agli smantellamenti. Tutto questo, sottolineano ancora Fim, Fiom e Uilm, «non potrà e non dovrà mai essere a scapito della sicurezza».

Leggi anche:   Firenze: il Comune ricorre contro i tagli dei fondi del bando periferie