Governo invia lettera a Autostrade per caducare concessione. Dispersi scendono a 5

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

«Il Governo, tramite la competente Direzione del Ministero delle Infrastrutture, ha formalmente inoltrato a Autostrade per l’Italia la lettera di contestazione che avvia la procedura di caducazione della concessione. Il Governo contesta al concessionario che aveva l’obbligo di curare la manutenzione ordinaria e straordinaria dell’autostrada A10, la grave sciagura che è conseguita al crollo del ponte». Lo afferma il premier Giuseppe Conte in un comunicato. «Si è diffusa la notizia che Autostrade per l’Italia sarebbe disponibile a ricostruire il ponte a sue spese. Se questa proposta verrà formalizzata il Governo la valuterà, ma non come contropartita della rinuncia a far valere la voce di tutte le vittime di questa immane tragedia». E’ quanto si legge nella nota del premier Giuseppe Conte diffusa da Palazzo Chigi.

Intanto scende il numero dei dispersi nel crollo del ponte Morandi a Genova: sono cinque le persone che mancano all’appello. Al numero, confermato dal Dipartimento della Protezione Civile, si è arrivati in seguito alle verifiche effettuate dalla Prefettura di Genova sulle segnalazioni delle persone scomparse che erano state fornite in un primo momento. Salvini e Di Maio insistono sulla revoca della concessione ad Autostrade: C’è una volontà politica certa dice il leader dei 5Stelle.

La rottura di uno strallo ‘è un’ipotesi di lavoro seria’ secondo gli esperti. Ininterrotto il lavoro dei vigili del fuoco con ruspe e martelli pneumatici. Domani i funerali di stato per le vittime del crollo. E a Benevento, il sindaco Mastella chiude il ‘Morandi’ locale: più piccolo di quello di Genova, fu progettato dal medesimo ingegnere.

Legge speciale e Toti commissario, misure allo studio – Il consiglio dei ministri straordinario da tenere a Genova non si terrà domani, ma è stato rinviato ai prossimi giorni. Ma il governo è al lavoro sulle misure che saranno prese per tamponare l’emergenza in cui Genova si è ritrovata dopo il crollo del ponte Morandi.Le priorità sono la soluzione dei problemi di viabilità e la sistemazione degli sfollati che hanno dovuto abbandonare i palazzi sopra i quali passava il viadotto.

Per coordinare i diversi aspetti dell’emergenza, dagli sfollati alla viabilità, dovrebbe essere a breve essere nominato anche un commissario ad hoc: Forza Italia chiede che sia il governatore ligure Giovanni Toti e la Lega sarebbe d’accordo. Una legge speciale dovrebbe regolare la ricostruzione del ponte in acciaio, che il governo chiede ad Autostrade di pagare di tasca propria: Toti pretende lavori lampo, in dieci mesi, il leghista Edoardo Rixi ipotizza come possibile il completamento entro il 2020.

Leggi anche:   Juncker: rispettiamo la Ue e respingiamo i nazionalismi. Attacco diretto a Salvini