Atletica e nuoto: successi dei rappresentanti Fiamme Oro (23 medaglie)

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Il Capo della Polizia Franco Gabrielli esprime «grandissima soddisfazione ed orgoglio per gli eccellenti risultati conseguiti, alle rassegne continentali di Berlino e Glasgow 2018, dagli atleti del gruppo sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato che hanno conquistato complessivamente 23 medaglie». 5 d’oro, 10 d’argento e 8 di bronzo.

«A Berlino, europei di atletica, il mezzofondista delle fiamme oro Yemaneberhan Crippa – ricorda – ha vinto nei 10.000 metri la medaglia di bronzo mentre Eyob Faniel, grazie al suo quinto posto, ha fatto conquistare all’Italia una medaglia d’oro a squadre nella maratona».

«A Glasgow sono saliti sul gradino più alto del podio gli agenti Alessandro Miressi e Margherita Panziera nella disciplina nuoto, Maria Giulia Confalonieri nel ciclismo e Andrea Micheletti nel canottaggio. Oltre all’oro, gli atleti della Polizia di Stato hanno conquistato dieci medaglie d’argento: quattro nella disciplina nuoto con Gregorio Paltrinieri, Alessandro Miressi e Ilaria Cusinato; tre nel nuoto sincronizzato, con la squadra libero combinata composta da Francesca Deidda, Domiziana Cavanna, Alessia Pezone, Enrica Piccoli, Francesca Zunino e con il doppio misto tecnico e libero composto da Manila Flamini e Giorgio Minisini; una nel nuoto in acque libere, con Giulia Gabrielleschi; una nel canottaggio singolo, con Martino Goretti e una nel ciclismo, con Elisa Balsamo.
Sette infine – ricorda il Capo della Polizia – i bronzi del medagliere delle Fiamme Oro: quattro nel nuoto vinti ancora da Miressi, Panziera, Paltrinieri e da Mattia Zuin; due nel nuoto sincronizzato da Deidda, Cavanna, Penzone e Piccoli e uno nel canottaggio doppio pesi leggeri con Pietro Willy Ruta.
Si tratta quindi, conclude Gabrielli, di “una spedizione che ha confermato l’ottimo lavoro dei tecnici del gruppo sportivo Fiamme Oro per fornire alla Nazionale nuovi giovani campioni».

Leggi anche:   Reddito di cittadinanza: la vera falla è lo scarso funzionamento dei centri per l’impiego