Scuola: sindacato Anief, bene emendamento salvaprecari, l’11 settembre manifestazione per l’app rovazione definitiva

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Il sindacato autonomo Anief plaude al via libera definitivo dell’Aula di Palazzo Madama
all’emendamento LeU, ovvero la norma salva-precari, e invita i precari a difendere il provvedimento manifestando in piazza l’11 settembre, giorno di ripresa dei lavori nell’altro ramo del Parlamento, in occasione del primo stop dei lavoratori del nuovo anno scolastico.
«In questo modo – sostiene il sindacato – i precari abilitati all’insegnamento, tutti già selezionati e formati all’uopo, verrebbero assorbiti gradualmente nei ruoli dello Stato, al fine di andare a collocarsi sugli oltre 100 mila posti vacanti che ogni anno vengono quasi sempre assegnati ad un nuovo supplente minando così la continuità didattica e l”organizzazione scolastico-amministrativa. La norma salva-precari, inoltre, risulta fondamentale per superare la pessima decisione presa con
il decreto Dignità di portare al licenziamento 50 mila maestri con diploma magistrale, di cui 7 mila già assunti, all’isolamento di altri 100 mila docenti abilitati e all’introduzione di un concorso straordinario per 12 mila posti pure discriminante. Vogliamo sensibilizzare gli onorevoli – spiega Marcello Pacifico Anief-Cisal – a non rivedere quanto stabilito dai colleghi del Senato, in modo da salvare i precari abilitati all’insegnamento dalle supplenze a vita e la scuola italiana da sicuro caos che ne deriverebbe qualora si desse invece effetto alla sentenza del Consiglio di Stato, con cui si intendono svuotare le GaE non assumendo in ruolo chi c’è dentro o per confermare i 7 mila maestri assunti con anno di prova svolto, ma per far ritornare i precari di lungo corso nelle graduatorie d”istituto, dove potranno svolgere supplenze di breve durata in non più di 15-20 istituti. Creando in tal modo uno degli scompensi più grandi che si siano mai avuti nelle nostre scuole pubbliche, le quali si ritroverebbero a caccia di docenti, con quelli già scelti e formati messi ai margini, costretti a non lavorare, stavolta pure per colpa del legislatore».

Leggi anche:   Migranti Aquarius, Salvini: «Vada dove vuole, ma non in Italia». No anche di Madrid e Malta