Maltrattamenti animali: reati in aumento. E inquietante rapporto zoomafia 2018

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

I reati più comuni e diffusi? Un gattino preso a calci come un pallone e un cigno obiettivo di sassate da parte di un gruppetto di ragazzi. Sono i maltrattamento, anche nel 2017, e i reati più contestati in Italia contro gli animali, con il maggior numero di indagati e con inquietanti casi di zoocriminalità minorile; le corse clandestine di cavalli e il traffico di cuccioli sono invece tra le prime emergenze zoomafiose. E’ quanto emerge dal Rapporto Zoomafia 2018 «Crimini e animali», redatto da Ciro Troiano, criminologo e responsabile dell’Osservatorio Zoomafia della Lav (Lega Antivivisezione), che per la 19/a edizione – presentata oggi a Roma – ha avuto il patrocinio del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri e della Fondazione Antonino Caponnetto.

Nel 2017 sono stati aperti intorno ai 26 fascicoli al giorno, uno ogni 55 minuti per reati a danno di animali, e una persona è stata indagata ogni 90 minuti circa, secondo i dati forniti alla Lav da 115 Procure Ordinarie e 25 Procure presso i Tribunali per i Minorenni (pari all’83% di tutte le Procure del Paese).

Gilda Giusti

 

Leggi anche:   Lavoro, Di Maio: «Torna la cassa integrazione per cessazione». Oggi il decreto