Nazionale: Mancini ct a Coverciano. «Riporterò l’Italia in cima al mondo». Torna Balotelli

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Presentazione a Coverciano, la casa della Nazionale. E subito un impegno solenne, preso da Roberto Mancini, nuovo ct azzurro: «Voglio essere un ct perbene e riportare l’Italia sul tetto del mondo e d’Europa. Questo era il momento più adatto per questa scelta. Parlerò e chiamerò Balotelli. Ci sono tanti giocatori di qualità». E ancora: «Allenare la Nazionale è motivo di orgoglio per chiunque. penso sia il momento giusto per me. Il periodo è difficile e molto va fatto. Ho pensato che questo potesse essere il momento giusto».

Chi richiamerà in Nazionale? Buffon resta? «Sarà una sfida difficile ma bella – le parole di Roberto Mancini – nella vita nulla è semplice. E’ difficile accontentare tutti i tifosi, vincendo un trofeo con l’Italia, però possiamo unire. Buffon? Gli parlerò in vista dell’amichevole del prossimo 4 giugno contro l’Olanda, a Torino. Ai giocatori chiederò di tirare fuori i loro sogni. Qui ci sarà spazio per tutti. De Rossi? Chi è stato importante ed è ancora il migliore sarà chiamato. Parlerò anche con lui. Voglio conoscere meglio tutti i giocatori prima di decidere come giocheremo. Il modulo lo deciderò in base alle caratteristiche». Naturalmente terrà in considerazione i giovani virgulti, tipo Chiesa. Mancini conosce bene il babbo di Federico, l’ex bomber Enrico. Sorride e strizza l’occhio: «Chi sa giocare, con me non avrà mai problemi». Per Balotelli futuro stabile in azzurro? «Parlerò anche con lui. Nel rilancio della Nazionale dopo l’eliminazione dal Mondiale 2018 non dovremo rinunciare a nulla e a nessuno».

Scelta politica, quella di Mancini da parte della Figc? Risposta pronta del commissario straordinario della Federcalcio, Roberto Fabbricini: «La scelta di Mancini è squisitamente tecnica, non ci sono altre considerazioni,
tantomeno politiche, cerchiamo portare avanti il nostro mandato con massima serenità, lavorando per il bene del calcio e della Figc». Ancora da definire lo staff che affiancherà il neo ct, compresa la presenza possibile di Andrea Pirlo. Annusce, Mancini. E dice: «Ho parlato di lui con Costacurta, a breve mi consulterò con Andrea».

Sandro Bennucci

 

Leggi anche:   Giro d’Italia: sul Gran Sasso prima la maglia rosa di Yates. In ritardo Froome e Aru