Moro: scritta Br, con vernice rossa, sul monumento appena inaugurato da Mattarella

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Imbrattato il monumento che ricorda le vittime dell”agguato di via Fani, quando quarant”anni fa fu rapito dalle Brigate Rosse il presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro. Sulla stele che ricorda i nomi dei cinque uomini della scorta dello statista uccisi dai terroristi è stata dipinta la sigla BR con il colore rosso. Il monumento era stato inaugurato il 16 marzo scorso, nell’anniversario della strage, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La scritta è stata cancellata dal Comune.

«Il ripetuto oltraggio ai martiri di via Fani nel luogo che ha visto il rapimento di Aldo Moro non è solo gravissimo ma assai inquietante. Non si può derubricare come qualcosa di poco conto, non si può sottovalutare. Tanti fermenti scuotono il nostro paese, aggravati da una complessa situazione internazionale. L’Italia, come più del passato, deve rispondere con forza ed efficacia ad ogni tentativo di riaprire una stagione definitivamente archiviata». Lo afferma Giuseppe Fioroni (Pd), presidente della commissione di inchiesta su Aldo Moro.

Sarebbe giunto proprio il momento che la politica di sinistra, oltre a evocare a ogni piè sospinto il pericolo della risorgenza del fascismo, si occupasse di più del pericolo costituito dall’antagonismo di sinistra che si rifà anche a ideologie del passato. e che la magistratura colpisse con severità questi atti. Non ci deve essere più indulgenza per i compagni che sbagliano, come avvenuto purtroppo nel passato remoto e recente.

Leggi anche:   Terrorismo: espulso un imam radicale, aggredì la Santanchè nel 2009 durante una manifestazione