Istat: rischio povertà per un italiano su tre. Obiettivi europei lontani

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

L’Istat disegna un quadro molto preoccupante. Quasi uno su tre, il 30%, delle persone residenti in Italia, nel 2016 è a rischio di povertà, esclusione sociale, registrando un peggioramento rispetto all’anno precedente quando tale quota era pari al 28,7%. Lo stima l’Istat, spiegando che aumentano sia l’incidenza di individui a rischio di povertà (20,6%, dal 19,9%) sia la quota di quanti vivono in famiglie gravemente deprivate (12,1% da 11,5%), così come quella delle persone che vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa (12,8%, da 11,7%). Evidentemente, le politiche dei governi, da Monti a Renzi e Gentiloni, soprattutto in tema di lavoro, hanno favorito gli imprenditori e non i lavoratori. Il precariato dilaga e gli sgravi fiscali sono quasi tutti a vantaggio delle grandi imprese.

Nel 2016 in Italia l’Istat stima in oltre 18 milioni le persone a rischio povertà o esclusione sociale. Questa la traduzione in numeri assoluti di una percentuale pari al 30%. Numeri che, scrive l’Istituto, vedono gli obiettivi prefissati dalla Strategia Europa 2020 ancora lontani: la popolazione esposta a rischio di povertà o esclusione sociale – precisamente pari a 18.136.663 individui – è infatti superiore di 5.255.000 unità rispetto al target previsto.

Una significativa e diffusa crescita del reddito disponibile e del potere d’acquisto delle famiglie però si associa a un aumento della disuguaglianza economica oltre che del rischio di povertà o esclusione sociale. In particolare, spiega l’Istat, nel 2015 la crescita del reddito è stata più intensa per il quinto più ricco della popolazione, trainata dal sensibile incremento della fascia alta dei redditi da lavoro autonomo, in ripresa ciclica dopo diversi anni di flessione pronunciata. Ecco che la forbice tra i più benestanti e i più poveri si è allargata.

 

 

Leggi anche:   Lega Araba: riconoscere Palestina e Gerusalemme Est capitale. Chiesta risoluzione all'Onu contro Trump