Firenze Ambulanti. A primavera i bandi per 10.000 posti di lavoro

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Confesercenti: da Palazzo Vecchio segnale incoraggiante

La primavera 2018 porterà nuove certezza alla categoria degli ambulanti fiorentini: come annunciato ieri dall’Assessore Cecilia Del Re in Commissione Sviluppo Economico di Palazzo Vecchio, a marzo verranno pubblicati, (conformemente all’entrata in vigore della Direttiva Bolkestein e a tutti i passaggi normativi ed amministrativi conseguenti) i bandi per il rilascio delle oltre 3500 concessioni di posteggio del Comune di Firenze (la più alta concentrazione in Italia e in Europa!).
Una vera e propria rivoluzione per il commercio fiorentino, un atto amministrativo che potrà riguardare oltre 10.000 posti di lavoro tra chioschi, mercati rionali e settimanali, Fiere, raggruppamenti commerciali area Unesco.

In una nota congiunta Maurizio Innocenti e Paola Ghelardi, rispettivamente Presidente Nazionale e fiorentino dell’A.N.V.A Confesercenti, l’associazione che storicamente rappresenta il settore, sottolineano come “l’annuncio dell’assessore Del Re costituisce un segnale importante per la categoria che, dopo anni di confusione e vicissitudini, sembra acquisire una prima reale certezza del posto di lavoro, con l’avvio, anche a Firenze, delle procedure per i rinnovi delle concessioni secondo le vigenti regole, ovvero l’intesa Stato-Regioni del 2012.”
“Lo abbiamo sempre detto e lo ribadiamo anche in questa occasione: se da parte della politica nazionale ci fosse, aldilà della mera propaganda e strumentalizzazione politica, l’intenzione di “far uscire” il commercio su area pubblica dalla Bolkestein, noi saremo i primi a sostenere questa posizione e ad intraprendere tutte le azioni necessarie e conseguenti.”
“Ma, dato che ogni tentativo ( negli ultimi 10 anni!!) portato avanti in questa direzione è risultato fino ad oggi del tutto vano e velleitario, noi abbiamo l’obbligo morale e politico, davanti alla necessità di salvare e garantire migliaia di posti di lavoro, di accelerare sul fronte bandi e applicazione intesa Stato Regioni.”
“Non ci sono purtroppo alternative e scorciatoie e sbaglia chi cerca di convincere la categoria del contrario”, sostengono ancora i due dirigenti di categoria.
“Condividiamo inoltre anche l’obiettivo di Palazzo Vecchio di riqualificare e rilanciare il commercio su area pubblica nel centro storico di Firenze e proponiamo di farlo attraverso l’adozione dei seguenti quattro punti principali:
1) Certezza del posto di lavoro
2) Difesa della legalità e lotta ad ogni forma di abusivismo
3) Individuazione delle nuove collocazioni in prossimità ai flussi turistici della città
4)Nuovi criteri per offerta merceologica e adozione di moderne e funzionali strutture di vendita in un quadro di compatibilità con l’assetto monumentale ed artistico dell’area Unesco.

“In quest’ottica”, concludono Innocenti e Ghelardi, “la proposta avanzata recentemente dall’Assessore Del Re in sede di concertazione, costituisce un passo in avanti rispetto al passato e noi, conformemente a quanto sopramenzionato, non ci siamo sottratti dalla sfida, ed abbiamo presentato proposte su mercati rionali, raggruppamenti turistici, e banchi architettonici”.

Leggi anche:   Pisa: migranti chiedono di legalizzare la loro merce contraffatta con il marchio «Abusif»