“Smart Destination” per innovare l’offerta turistica e migliorare la competitività di territori e piccole imprese turistiche

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Cat Confesercenti Pisa fra i protagonisti

Martedì 18 Luglio, è stata approvata la lista dei progetti finanziabili con il secondo avviso del programma comunitario Italia Francia Marittimo.

Cat Confesercenti Pisa è coinvolta nel partenariato di uno di questi: SMART DESTINATION, con l’obiettivo di sostenere l’innovazione dell’offerta turistica della nostra Regione e dell’area transfrontaliera ed aiutare il sistema delle piccole imprese a migliorare la forte competitività internazionale.

La Regione Toscana svolge la funzione di capofila del progetto. Gli altri partner sono: Regione Liguria, Regione Autonoma Sardegna, Fondazione Sistema Toscana, CAT Confesercenti Pisa, Citta Metropolitana di Nizza, Camera di Commercio del PACA.

Le Regioni dell’area mediterranea si sono fino ad oggi proposte separatamente sui mercati turistici, forti di una notorietà acquisita in passato. Il contesto globalizzato impone tuttavia il confronto con nuove destinazioni turistiche sempre più competitive e richiede modelli organizzativi diversi da quelli che hanno assicurato il successo alle nostre località. La chiave di una corretta gestione dei fattori che determinano la qualità e la varietà dell’offerta territoriale (sostenibilità, modelli business e governance) risiede nel governo dell’informazione e nella capacità di fornire risposte rapide, complete e accessibili alle mutate esigenze d’informazione e personalizzazione del turista. In questo contesto SMART DESTINATION mira a sostenere e rilanciare la competitività delle filiere transnazionali del turismo avviando un percorso d’integrazione dei flussi d’informazione e delle banche dati attualmente a disposizione del sistema pubblico-privato con l’offerta turistica territoriale. Attraverso un percorso di attività guidato da un partenariato rappresentativo dei vari poteri ed interessi  coinvolti e partecipato da stakeholder dell’area transfrontaliera il progetto punta a:

1-Definire e condividere il Sistema Tecnologico di gestione del mainstream informativo e di promocommercializzazione, integrando i sistemi locali esistenti e con funzioni di supporto ai modelli di offerta turistica e servizi innovativi

2-Concordare un Piano di azione congiunto per l’area transfrontaliera, per completare l’implementazione del sistema, diffondere le soluzioni tecnologiche, prevedendo l’apertura a terzi soggetti, imprese ed utenti

3-Sperimentare il modello di SMART DESTINATION nelle aree trasfrontaliere pilota  per verificarne efficienza e potenzialità in contesti differenti

4-Coinvolgere in ogni fase del percorso di lavoro Regioni, imprese, enti, associazioni e stakeholder di settore mediante approcci innovativi (Living Lab) e tradizionali.

Leggi anche:   Commercio, la Lega frena Di Maio: «La domenica negozi aperti nelle città turistiche»