Fiorentina batte il Genk in rimonta (2-1) e ipoteca il primo posto nel girone. Decisivo il rigore di Nico. Pagelle

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Finisce quasi in rissa e con dieci minuti di recupero, ma la Fiorentina batte il Genk, resta in testa al girone (11 punti) e prenota il passaggio del turno. Vince anche il Ferencvaros (9 punti). Quindi basterà un pareggio a Budapest per passare direttamente agli ottavi. Evitando il turno supplementare destinato ai secondi. Il Genk è fuori gioco con la sconfitta di stasera.

Alla Fiorentina ci sono voluti due cambi, finalmente felici, di Italiano per dare la svolta, nella ripresa, a una partita assai complicata. Gli inserimenti di Kayode, al posto di un Parisi in grande difficoltà a destra, e di Beltran sono preziosi. Sono loro che confezionano l’azione del rigore (Beltran lancia Kayode messo giù in area) trasformato da Nico Gonzalez. E’ il gol che ribalta il risultato: dopo il vantaggio del Genk (con Kayembe) e il pareggio di Quarta. Buona anche la decisione di far entrare Arthur, capace di orchestrare la manovra.

Fiorentina con i soliti difetti, soprattutto in attacco. E a disagio a metà campo, nel primo tempo. Nella ripresa squadra sciolta. L’ingresso di Kayode è stato prezioso, al di là dell’azione che ha propiziato il rigore. Parisi, a destra, manifesta un serio disagio. In difesa non male Mina: alto, robusto e per niente digiuno din tecnica. Del resto è un brasiliano: alla palla sa dare del tu. Per il resto alti e bassi contro un avversario insidioso, che sa giocare a calcio, ma per fortuna dei viola, senza fulmini di guerra in avanti.

MINA – Non soddisfatto dei due attaccanti, Italiano li lascia in panchina. Pder la sfida col Gernk rilancia Kouamè prima punta, con Ikonè e Nico ai fianchi. Indietro spunta Mina. E a metà campo Maxime Lopez fa da riferimento. Pronti via e il Genk ci prova, seguito a Firenze da circa duemila tifosi. La difesa viola si chiude davanti a Christensen.

FADERA – Gonzalez prova a sfondare nelle maglie difensive del Genk. Fermato. Contropiede belga, Parisi (4′) liscia clamorosamente un pallone nella sua zona, ne approfitta Fadera, lanciato in contropiede, che si trova tu per tu con Christensen: calcia a giro e colpisce il palo. Rischio enorme per i viola. E una conferma: Parisi soffre tanto a destra, non è la sua posizione.

BARAK – All’8′ angolo di Lopez, la difesa belga spazza. Ci prova ancora la Fiorentina: al 15′ passaggio rasoterra di Barak in area. Murato. Replica il Genk con Arokodare, velocissimo e pericoloso. Così come lo sgusciante Paintsil. Al 18′ ltra occasione per il Genk: affondo di Paintsil, che entra in area e tira in porta. Christensen para! Al 20′ giallo per Fadera: fallaccio su Kouamè.

NICO – Si affaccia, la Fiorentina nell’area belga: azione solitaria di Nico Gonzalez (21′), che prova ad entrare in area e concludere. Davanti a lui c’è Galarza che respinge il tiro. Al 23′ conclusione a giro di Barak dal limite dell’area che finisce poco sopra la traversa! Ma il guardalinee aveva già ravveduto un fuorigioco in precedenza di Ikoné.

QUARTA I – Ancora pericoloso il Genk: con Paintsil che entra nuovamente in area viola. Ottimo però l’intervento in scivolata di Quarta a scongiurare il pericolo. Qualche istante dopo, però, Quarta si prende il giallo per un fallo evitabile a tre quarti. Quindi prova a tirare in porta: senza successo.

Leggi anche:   Navalny, il Times rivela: "Ucciso con un pugno al cuore, con la tecnica del Kgb". L'accusa di Osechkin

VRANCKEN – Morale? Dopo mezz’ora di gioco, la Fiorentina ha tirato in porta solo qualche volta, sporadicamente. L’attacco non c’è. Kouamè, con tutta la buona volontà, non è la punta capace di scardinare le porte. Beltran e Nzola sono in panchina. Fra il 34′ e il 36′ Parisi viene colpito due volte da Fadera, già ammonito. L’arbitro è indulgente con il giocatore. Che dovrebbe essere espulso. Giallo, invece, per l’allenatore Vrancken, agitato fuori dal suo spazio.

ITALIANO – Al 38′ angolo di Biraghi che trova la deviazione di testa di Barak, che però non riesce a trovare la porta. Al 39′ altro fallo di Fadera, questa volta su Kouame. L’arbitro olandese non estrae il secondo giallo. Italiano protesta e riceve a sua volta il giallo. Quind è l’allenatore Vrancken, consapevole della situazione, che toglie Fadera e manda in campo Baah.

SALVATAGGIO – Prima vera occasione da gol (42′) per la Fiorentina! Cross di Kouame che viene respinto con le mani da Van Crombugge. Sul pallone arriva poi Ikoné che conclude a botta sicura verso la porta, ma il pallone trova la deviazione di Hrosovsky sulla linea!

KAYEMBE – Riparte il Genk, con i suoi mobilissimi attaccanti, e trova il gol. E’ il 44′: Arokodare serve Kayembe che entra in area, Quarta scivola lasciandoli strada libera verso la porta e il terzino del Genk batte Christensen!

QUARTA II – La reazione della Fiorentina è pronta. E in pieno recupero (48′) arriva il pari. Calcio d’angolo battuto da Maxime Lopez che pesca in area la testa di Mina: Van Crombrugge para, ma sulla respinta si precipita Quarta che la mette dentro. Rimediando così alla scivolata che ha propiziato il gol del Genk. Uno a uno e tutti negli spogliatoi. Fiorentina intraprendente, ma non convincente. Senza Arthur manca chi sappia "tagliare e cucire" a metà campo. Nessuno imposta la manovra. E davanti non brilla nemmeno Nico.

VAN CROMBRUGGE – In avvio di ripresa, Italiano toglie Parisi, francamente a disagio, per Kayode che finalmente ritorna, e Quarta per Milenkovic. A Italiano non è bastato il gol di Martinez per rimediare alla scivolata che ha dato il vantaggio al Genk? Al 3′ miracolo di Van Crombrugge! Colpo di testa a botta sicura di Barak, gran parata di riflesso del portiere belga.

BELTRAN – Finalmente Italiano si rende conto che senza regista, il film non si fa: dentro Arthur, a furor di popolo, per Duncan. E in campo anche Beltran: esce Barak. Dovrebbe essere una Fiorentina più tonica. In effetti spinge: angolo per il Genk, sul quale riparte la Fiorentina. Kouame (11′) alza un pallone che Ikoné in area prova ad allungare di testa per Barak. Si chiude la difesa e l’azione sfuma. Beltran si muove bene al limite dell’area e viene steso. Punizione interessante per la Fiorentina. Batte Arthur: sulla barriera.

GONZALEZ – Al 23′ altra gran parata di Van Crombrugge. Punizione di Biraghi diretta sotto la traversa: il portiere vola e devia in angolo. Contropiede Genk: il cross dalla destra è fra le braccia di Christensen. Fra i belgi esce Hrosovsky ed entra Bilal El Khannous. Fiorentina aggressiva: Beltran lancia Kayode cheviene steso. Rigore, dice l’arbitro. Conferma il Var. Intanto Ikonè lascia il posto a Brekalo. Proteste del Genk. Ammonito Munoz. Penalty confermato. Batte Nico, col saltello, e palla a destra del portiere. Che resta immobile. Due a uno.

Leggi anche:   Crollo a Firenze: aperto un varco per cercare il disperso. Il fratello di una vittima: "Lui lavorava tanto, met à soldi in nero"

RISSA – Sette minuti di recupero. Nervosismo in campo. Milenkovic e Zeqiri si prendono. L’arbitro li ammonisce. Poi, richiamato dal Var per la breve rissa, ammonisce anche Galarza. Un rosso no? Ma i giocatori del Genk non ci stanno a perdere. la buttano davvero in rissa. Sventolio di cartellini gialli. Ripeto: almeno un rosso no? Il recupero va oltre il decimo minuto. E l’arbitro fischia la fine. Abbracci fra i viola. Ma la partita di Budapest (il 14 dicembre) va affrontata con convinzione. Come la Salernitana, domenica, per ripartire in campionato.

Sandro Bennucci

TABELLINO E PAGELLE

FIORENTINA (4-3-3): Christensen 6, Parisi 5 (nel st dal 1’ Kayode 7), Quarta 6 (nel pt dal 1’ Milenkovic 6) , Mina 6 , Biraghi 6; Maxime Lopez 5,5, Duncan 5,5 (nel st dal 14’ Arthur 6 ), Barak 5,5 (nel st dal 14’ Beltran 6); Nico Gonzalez 6, Kouame 5,5, Ikoné 5 (nel st dal 35’ Brekalo sv). Allenatore: Italiano 6,5

GENK (4-4-2): Van Crombrugge 7; Munoz 6, Cuesta 5,5, Sadick 6, Kayembe 6,5; Heynen 5,5, Galarza 5,5, B. Horovsky 5,5 (st dal 32’ Bilal El Khannous sv) , Paintsil 5,5; Arokodare 5,5 (nel st dal 1’ Zeqiri 5,5), Fadera 5,5 (nel pt dal 42’ Baah 5,5). Allenatore: Vrancken 5,5

Arbitro: Kooij (Olanda) 4,5

Ammoniti: Fadera, Quarta, Italiano, Munoz, Paintsil, Zeqiri, Galarza, Biraghi, Kouamè

Marcatori: nel pt al 45’ Kayembe, al 48’ Quarta; nel st al 37’ (rig.) Gonzalez

Spettatori: 16.666

RISULTATI

Cukaricki-Ferencvaros 1-2

Fiorentina-Genk 2-1

CLASSIFICA

Fiorentina 11

Ferencvaros 9

Genk 6

Cukaricki 0

Calendario Tweet

febbraio 2024
L M M G V S D
« Gen    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829