Fiorentina rimonta e batte l’Atalanta: 3-2. Nico dà la carica, ma segnano Bonaventura, Quarta e Kouamè. Pagell e

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Brava Fiorentina! Ha mostrato un carattere di ferro, rimontando un’Atalanta tutt’altro che sprovveduta, capace di andare in vantaggio dopo 20′ minuti, ma costretta poi alle corde da una squadra viola un po’ leggerina a metà campo, ma con due esterni col turbo: Dodò e Parisi, vere spine nel fianco dei nerazzurri. Sono stati loro a mettere a disagio, a lungo, la squadra di Gasperini, fischiato e "canzonato" per tutta la partita dalla Fiesole. Provvidenziale, poi, il piede di Bonaventura, capace di trovare il gol del pareggio al 35′. Dopo quel gol la Fiorentina si è come trasformata. Fino a trovare il vantaggio, al 45′ del primo tempo, con un ben assestato colpo di testa di Martinez Quarta, protagonista di una partita molto buona. E gli attaccanti? Provvidenziale Kouamè, subentrato, a Nico: in spaccata ha trovato il terzo gol in seguito a un pasticcio difensivo nerazzurro. Nzola? Fuori dal coro. Ha vagato per il campo. Non voglio essere severo, ma con lui è come giocare in dieci. Altra storia Beltran: appena entrato ha saltato due avversari propiziando il gol in spaccata di Kouamè. Bene Fiorentina, via. I tre punti consentono di andare avanti in classifica e porsi, lassù, al ridosso di quelle che vogliono essere protagoniste.

GASPERINI – Comitato di "ricevimento" per Gian Piero Gasperini in curva Fiesole: cori nemmeno simpatici prima dell’inizio della partita. Ma anche lui, il tecnico del miracolo atalantino, ci ha sempre messo del suo nei confronti dei tifosi viola. Italiano sorprende: fuori Arthur per un centrocampo più fisico con Duncan. In porta, e sono contento, c’è Terracciano invece dell’annunciato Christensen. Fuori anche Biraghi e Sottil. Pronti via ma è schermaglia a metà campo. Al 6′ Ederson intercetta un lancio sbagliato di Gonzalez, pesca Lookman in area, a sinistra, ma è lesto Milenkovic a chiudere con eleganza.

CONTESTAZIONE – Spunta uno striscione in curva Fiesole per il caro abbonamenti. C’è scritto: "Tifosi ‘pro’ si diventa col tempo, non facendo pagare 50 euro in più l’abbonamento". Certo, in tempi d’inflazione alta, un gesto verso il popolo viola, non aumentando biglietti e abbonamenti, sarebbe stato apprezzato dalla tifoseria. Chiuso l’intermezzo: all’8′ prima occasione per l’Atalanta. Koopmeiners prova a tirare dal limite dell’area, ma il pallone termina a lato.

TERRACCIANO – Bergamaschi anacora pericolosamente in avanti all’11’: doppia conclusione di Zappacosta, ma Terracciano è prontissimo a volare e deviare in angolo. E’ una sicurezza, il vecchio Pietro. La Fiorentina riparte, ma trova una barriera a tre quarti di campo. L’Atalanta impone la sua fisicità.

KOOPMEINERS – La Fiorentina è vulnerabile a centrocampo. Mandragora e Duncan non riesconbo ad arginare Ederson e De Roon. E’ molto fragile il tentativo di ripartenza. E al 20′ l’Atalanta passa: rimessa laterale sbagliata dei viola, Teun Koopmeiners, lasciato solissimo dai difensori, fa partire una saetta diagonale che porta i nerazzurri in vantaggio. E’ il quindicesimo gol dell’olndese in maglia atalantina, il primo della stagione. Al cooling break (23′) Italiano è una furia. Dovrebbe dare più nerbo al centrocampo, ma per ora non cambia nulla.

BONAVENTURA – Dodò e Nico Gonzalez suonano la carica. Parisi prova a spingere a sinistra. Ma davanti non si sfonda. Brekalo si perde in un lavoro oscuro e Nzola è isolato, in un deserto di maglie bianche con la banda nerazzurra. Ma i viola non si perdono d’animo, insistono. E al 35′ Bonaventura, uno che non molla mai, pareggia: secondo gol in campionato per Jack. Stop di palla in area, controllo e tiro al volo con pallone alle spalle di Carnesecchi.

Leggi anche:   Formula 1, Gp Canada: Russel in pole davanti a Verstappen e Norris

QUARTA – Cresce la Fiorentina: manovrano bene gli esterni, Dodò e Parisi. Svaria de destra a sinistra Nico Gonzalez, nonostante l’impegno in nazionale albiceleste e i viaggi intercontinentali dell’ultima settimana. Però è una Fiorentina rinfrancata, capace di costruire trame e trovare addirittura il vantaggio: al 45′ segna Martinez Quarta. Che rimane a terra qualche istante per un problema. Si rialza e diventa un fulmine: cross di Duncan in area e perfetto il colpo di testa del difensore argentino che supera Carnesecchi. Atalanta ribaltata! Nei tre min uti di recupero è ancora sinfonia viola. Ora è una furia Gasperini.

NICO – Nessun cambio in avvio di ripresa. L’Atalanta spinge, Lookman crea scompiglio nella difesa viola, ma le sue conclusioni sono murate. Ripartenza viola, pallone da sinistra a destra per Nico che indovina un tiro col giro a rientrare capace di sfiorare il palo alla destra di Carnesecchi.

LOOKMAN – Ma è l’Atalanta a mantenere il pallone del gioco. Lookman, devastante per la difesa viola e per Milenkovic che non lo tiene e all’8′ proprio lui, con un’accelerata, che batte Terracciano con un diagonale accanto al primo palo, firmando il 2-2.

CAMBI – Gasperini, a sopresa, fa tre cambi: fuori anche l’imprendibile Lookman, insieme a Zappacosta e l’insignificante, almeno stasera, De Keteleare. Entrano Scamacca, Pasalic e Zortea. Dopo che Nico ha sfiorato il vantaggio (16′), Italiano fa due sostituzioni: escono lo stesso Nico (affaticato, certo) e Mandragora, per Kouamè e Arthur. Ora la manovra viola dovrebbe più lineare. Giallo per il neo entrato Zortea: fallaccio a tre quarti.

KOUAME’ – Sventola di Brekalo (28′) che trova Carnesecchi propnto alla parata volante. Quindi altre sostituzioni: fuori Nzola per Beltran e Dodò per Biraghi. Gasperini replica: esce Koopmeiners per Adopo. Ma è la Fiorentina a trovare il terzo gol: ottino controllo di palla dell’appena entrato Beltran che salta due avversari, la difesa nerazzurra va in bambola, sbaglia Adopo che offre la palla a Kouamè, arrivato a fari spenti, colpo preciso in spaccata e Carnesecchi è battuto: tre a due per al Fiorentina.

RECUPERO – Gasperini non si dà pace per essere andato di nuovo sotto: toglie Ruggeri per Miranchuk. Italiano fa uscire Duncan per Barak. Parisi si fa ammonire per un intervento di contenimento a tre quarti. Ma la sua partita è stata esemplare. Sette minuti di recupero. Ma la Fiorentina controlla e l’Atalanta appare spenta. Anche se ci prova fino alla fine, ma stavolta la difesa viola regge e porta a casa la vittoria.

Sandro Bennucci

FIORENTINA (4-2-3-1): Terracciano 6,5; Dodò 6,5 (nel st dal 28’ Biraghi sv ), Milenkovic 6, M.Quarta 6,5, Parisi 6,5; Mandragora 6(nel st dal 17’ Arthur 6), Duncan 6(nel st dal 42’ Barak sv); Gonzalez 6,5 (nel st dal 17’ Kouamè 7), Bonaventura 6,5, Brekalo 6; Nzola 5 (nel st dal 28’ Beltran 6,5) . All: Italiano 6

ATALANTA (3-4-1-2): Musso 5,5; Toloi 5,5, Scalvini 6, Kolasinac 5,5; Zappacosta 5,5 (nel st dal 13’ Zortea 5,5 ), De Roon 5,5, Ederson 6, Ruggeri 6 (nel st dal 34’ Miranchuk sv); Koopmeiners 6 (nel st dal 28’ Adopo sv ); De Ketelaere 4,5 (nel st al 13’ Pasalic 6), Lookman 6,5 (nel st dal 13’ Scamacca 5,5). All: Gasperini 5,5

Arbitro: Pairetto (Nichelino) 6

Ammoniti: De Roon, Zortea, Parisi

Leggi anche:   Scomparsa di Kata: spunta un nuovo video. La madre riconosce un uomo

Marcatori: nel pt al 20’ Koopmeiners, al 35’ Bonaventura, al 45’ Quarta; nel st’ all’8’ Lookman, al 31’ Kouamè

Spettatori: 32.100

Calendario Tweet

giugno 2024
L M M G V S D
« Mag    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930