Italia di Spalletti fermata in Macedonia: 1-1. Non basta il gol di Immobile. In campo anche Biraghi. Pagelle

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Ci eravamo illusi di aver vinto: soprattutto Spalletti, pensava che il gol di Immobile fosse sufficiente a chiudere la pratica. Invece Bardhi ha pareggiato su punizione. Tonali e Barella (nell’azione del gol di Immobile) hanno colpito i legni. Fatale il calo fisico nel finale degli azzurri.

Non è stata un’Italia sfolgorante nel primo tempo e nel finale non ha convinto sul piano fisico. Ha gestito quasi sempre la palla, ma senza trovare le conclusioni giuste. Solo Tonali è andato vicino al gol con un tiro che si è spinto sul palo. Macedonia più pericolosa e lavoro per Donnarumma. Poi quella che sembrava la svolta con gol di Immobile all’inizio della ripresa.

C’è ovviamente da migliorare il gioco, ma a Skopje era necessario vincere e la vittoria non è arrivata, complicando ancor di più il cammino delle qualificazioni. C’è stato un calo, come detto, l’Italia ha sofferto nel finale e il c.t. ha provato a cambiare. Ma una punizione di Bardhi ha privato gli azzurri della vittoria. Ci lavorerà su per ottenere di meglio contro l’Ucraina nel match di martedì a San Siro che diventa fondamentale.

E’ cominciata quindi in maniera poco gloriosa, l’avventura di Spalletti in azzurro. La rifondazione della Nazionale è iniziata con un passo falso e adesso il c.t. dovrà recuperare punti contro l’Ucraina. La scelta per sostituire l’infortunato Chiesa era caduta su Zaccagni, ma gli esiti non sono stati del tutto soddisfacente. La Macedonia anche stavolta è risultata indigesta agli azzurri dopo il flop di Palermo, sotto il regno di Mancini. Su un campo un po’ malandato di Skopje, davanti a 33.000 spettatori (con un centinaio di italiani) e saputo del pareggio fra Ucraina e Inghilterra, gli azzurri hanno cominciato all’attacco.

Dopo un gol di Barella annullato per evidente offside, si è giocato costantemente nella metà campo macedone, con qualche raro contropiede avversario. I nostri non hanno tuttavia concluso quasi mai. Una proiezione di Dimarco non è stata conclusa col tiro. Peccato. Cristante, su angolo non ha inquadrato la porta. Un contropiede macedone ha sorpreso gli azzurri. Miovski di testa ha graziato Donnarumma.

Un palo di Tonali, su verticalizzazione di Barella, ha fatto tremare i macedoni. Offensiva di Aliovski al tiro, parata di Donnarumma che ha dovuto neutralizzare un tiro di Elmas. Tonali e immobile hanno inscenato un’azione pericolosa senza concludere. All’inizio della ripresa, al 2′, Barella su azione di Zaniolo ha colpito la traversa e sul rimbalzo Immobile ha insaccato di testa. Il VAR ha confermato il gol.

Si è infortunato Mancini ed è entrato Scalvini, subito bene. Elmas ha avuto l’occasione per pareggiare, ma si è mangiato un’occasione. E Donnarumma ha preso un tiro di Elmas. Spalletti ha inserito Gnonto e Biraghi. Nulla ha potuto tuttavia sulla punizione di Bardhi, forte e angolata. Martedì a San Siro contro l’Ucraina Spalletti cambierà qualche pedina, anche per recuperare il terreno perduto: la situazione della qualificazione si è fatta difficile con l’Inghilterra in testa con 13 punti in 5 gare, Ucraina seconda con 7 in 4 e Italia terza a quota 4 ma dopo 3 partite.

Sandro Bennucci

Tabellino e pagelle

MACEDONIA DEL NORD (4-2-3-1): Dimitrievski 6,5; Manev 6, Musliu 6 (33′ st Serafimov sv), Zajkov 6, Alioski 7; Ashkovski 6,5 (29′ st Dimoski 6), Bardhi 7; Elezi 6 (29′ st Alimi 6), Atanasov 6,5 (46′ st Iljazovski sv), Elmas 6,5; Miovski 6,5. In panchina: Aleksovski, Shiskovski, Ademi, Trajkovski, Doriev, Dav. Babunski, M. Ristovski, Nestorovski. Allenatore: Milevski 6

Leggi anche:   Autostrada A1: chiusure notturne della stazione di Incisa-Reggello

ITALIA (4-3-3): Donnarumma 5; Di Lorenzo 5, Mancini 6 (14′ st Scalvini 6), Bastoni 5,5, Dimarco 6 (37′ st Biraghi sv); Barella 5, Cristante 6, Tonali 5,5 (44′ st Raspadori sv); Politano 5 (1′ st Zaniolo 5), Immobile 6, Zaccagni 5 (37′ st Gnonto sv). In panchina: Vicario, Meret, Locatelli, Romagnoli, Retegui, Darmian, Frattesi. Allenatore: Spalletti 5,5

ARBITRO: Letexier (FRA) 5,5

MARCATORI: 2′ st Immobile, 36′ st Bardhi

Ammoniti: Manev, Dimarco, Tonali, Zaniolo, Alimi

Angoli: 5-3

Recupero: 3′ pt, 6′ st

Calendario Tweet

luglio 2024
L M M G V S D
« Giu    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031