Emergenza Emilia Romagna e Alto Mugello: fino a 900 euro alle famiglie sfollate

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Lo Stato c’è e vuol farsi sentire concretamente. Nello Musumeci, ministro della Protezione civile, nell’informativa di oggi, 24 maggio 2023, alla Camera, ha detto: "È prevista l’assegnazione ai nuclei familiari di un contributo, per l’autonoma sistemazione, di 400 euro per i nuclei monofamiliari, 500 per le famiglie con due persone, 700 per quelle con tre, 800 per quelle con 4, fino a un massimo di 900 euro mensili. Qualora siano presenti portatori di handicap o disabili è concesso un contributo aggiuntivo di 200 euro mensili per ognuno dei soggetti indicati".

Gli eventi hanno interessato anche zone limitrofe all’Emilia Romagna, ossia le regioni Marche e Toscana (Alto Mugello). Musumeci ha anche fatto riferimento al provvedimento sulla sospensione dei mutui per i cittadini delle zone colpite e le spese per i funerali.

Ancora Musumeci: "Dal punto di vista idrogeologico diverse sono state le aste fluviali che hanno avuto criticità e che hanno interessato complessivamente 23 fiumi, oltre 30 frane e 500 strade chiuse per allagamenti o smottamenti. Sono state evacuate 23mila persone. Il transito dovrebbe riprendere regolarmente nelle prossime ore e restano chiuse 622 strade, molte delle quali secondarie. La maggior parte delle linee ferroviarie dovrebbe essere riattivata entro inizio giugno".

"Il ministero della Cultura sta valutando i possibili danni ai beni culturali, anche per i danni di beni di tipo archivistico che in parte è stato duramente compromesso". Così il ministro per la Protezione civile, Nello Musumeci, nella sua informativa urgente alla Camera sull’alluvione in Emilia Romagna.

"Per il ripristino di numerosi ammanchi di alimentazioni di energia elettrica, gli allagamenti non consentono alle squadre tecniche di intervenire e si confida che nei prossimi giorni tutto possa tornare alla normalità". Così il ministro per la Protezione civile, Nello Musumeci, nella sua informativa urgente alla Camera sull’alluvione in Emilia Romagna, secondo il quale "per quanto riguarda i servizi essenziali si registrano, a fronte del picco dei disservizi dello scorso 17 maggio, le 54mila utenze rimaste senza energia elettrica, alcune decine migliaia utenti senza il servizio di telefonia mobile, 14.600 unità per la fissa". "Dobbiamo fare della messa in sicurezza del territorio nazionale la priorità dell’agenda politica di governo di questo Esecutivo e di tutte le sue articolazioni nel territorio". Così il ministro per la Protezione civile, Nello Musumeci, nella sua informativa sull’alluvione in Emilia Romagna. "La nostra – ha aggiunto – è una nazione più propensa a ricostruire che a prevenire. Eventi come quello in Emilia Romagna non si possono prevedere, ma si possono ridurre gli effetti disastrosi che produce. Serve un piano nazionale concepito in funzione di una strategia unitaria finora mancata, stiamo anche predisponendo progetti normativi per semplificare le procedure nella fase post-emergenziale che è quella della ricostruzione".

Ernesto Giusti

Leggi anche:   Treni: sciopero venerdì 26 maggio. A rischio i servizi regionali. Garantiti Frecce e Intercity

Calendario Tweet

maggio 2023
L M M G V S D
« Apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031