Pupo ci ripensa: “Non vado al festival in Russia. E’ successa una cosa imprevedibile”

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Ci ripensa, Pupo. E non va in Russia. "È successo l’imprevedibile, l’impossibile intorno alla mia eventuale partecipazione al festival Road to Yalta", spiega il cantante in un messaggio vocale inviato al sito di Roberto D’Agostino.

"In virtù di riflessioni e assorto nei miei pensieri nel viaggio che sto facendo da Lugano verso la città di Spa, in Belgio, dove mi fermerò per qualche giorno a risposare e ancora a riflettere ho deciso di non partire per Mosca". Una presenza che avrebbe rischiato di creare un incidente diplomatico, considerando la posizione dell’Italia, apertamente schierata con l’Ucraina in conflitto con la Russia.

Ma l’interprete toscano precisa: "Certo non dipende dalle polemiche e da tutto ciò che è accaduto in questi giorni, ma dipende da un fatto che vi spiegherò più avanti, perché la mia abitudine è sempre di essere molto chiaro e leale con tutti, a prescindere da chi sono gli interlocutori".

La sua presenza come "special guest" era stata annunciata con grande evidenza sul sito della manifestazione, al via ieri, destinata a proporre le "canzoni sovietiche sulla guerra in diverse lingue del mondo in duetto con le star del palcoscenico russo". L’evento dall’occupazione russa del 2014 si teneva in Crimea, ma in questo momento è impossibile per il conflitto: di qui la scelta del Cremlino, dove è stato realizzato un teatro da seimila posti. Anche su Instagram si parlava di Pupo come il "leggendario italiano, il cantante che ha conquistato i cuori russi molto tempo fa è stato membro della giuria nel 2021 ed è stato addirittura protagonista sul nostro palco con una canzone".

A testimoniarlo, il videoclip in cui il cantante intona Bella ciao assieme al collega italiano Thomas Grazioso, al cantante russo Ernest Matskiavichius e alle musiciste della Otta-Orchestra. La notizia aveva fatto subito il giro dei social, sollevando critiche sull’opportunità di esibirsi a Mosca. Molto amato dai russi, finito nel gennaio 2022 nella blacklist dell’Ucraina, dopo l’invasione russa Pupo non ha preso posizione sul conflitto, pur continuando a partecipare a serate ed eventi anche in altre Repubbliche ex sovietiche.

A non lasciare dubbi sugli ideali di Road to Yalta è stato nei giorni scorsi Denis Maidanov, vicepresidente del comitato cultura della Duma, che alla stampa russa ha detto: "Le persone normali capiscono che l’allargamento della Nato ad Est ha provocato quello che sta accadendo oggi in Europa. Ora l’Ucraina, poi la Polonia, poi la Slovacchia, la Romania, la Repubblica Ceca se continua così, saranno tutte trascinate nella guerra dalle mani dell’America … Pertanto, un gran numero di domande dai paesi europei sottolinea l’importanza del festival Road to Yalta in ambito internazionale".

Leggi anche:   Concorso scuola 2024 per 40mila docenti: le date delle prove scritte per infanzia, primaria e secondaria

Calendario Tweet

febbraio 2024
L M M G V S D
« Gen    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829