Consiglio Ue energia: nessun accordo ancora su price cap

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

I ministri dell’Energia dei Ventisette, riuniti nel Consiglio Ue straordinario dell’Energia oggi a Bruxelles, “hanno concordato il contenuto dei due regolamenti” che la Commissione europea aveva proposto il 9 novembre scorso sull’accelerazione dei procedimenti autorizzativi per gli impianti di energia rinnovabile, e il 18 ottobre sugli acquisti congiunti e su un sistema di solidarietà fra gli Stati membri per le forniture di gas. Lo riferiscono fonti qualificate Ue a Bruxelles.
“L’obiettivo” della presidenza di semestrale di turno ceca del Consiglio Ue, affermano le fonti, “è quello di adottare formalmente i due regolamenti durante il prossimo Consiglio straordinario Energia che si terrà molto probabilmente il 13 dicembre, insieme a un accordo politico sulla proposta per un ‘meccanismo di correzione del mercato”, ovvero sul controverso price cap dinamico per il gas che la Commissione ha proposto martedì scorso, sul quale evidentemente restano ancora delle divergenze fra i ministri.

Nel frattempo la Commissione europea ha fissato gli obiettivi intermedi di riempimento degli stoccaggi di gas che gli Stati membri dovrebbero raggiungere nel 2023 per centrare l’obiettivo del 90% di stoccaggio del gas entro il 1? novembre 2023. Per l’Italia i target di riempimento sono il 45% a febbraio, 36% a maggio, 54% a luglio e 72% a settembre.
Il provvedimento, previsto dal regolamento sullo stoccaggio del gas, indica gli obiettivi intermedi per il 1* febbraio, maggio, luglio e settembre 2023 per quegli Stati membri con depositi sotterranei sul loro territorio e collegati alla loro area di mercato.

Leggi anche:   Frana Ischia: recuperato corpo ottava vittima, ancora 4 dispersi. Procura Napoli indaga per disastro colposo

Calendario Tweet

dicembre 2022
L M M G V S D
« Nov    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031