Terremoti: quattro in un giorno. Uno sull’Appennino tosco-emiliano (magnitudo 3.8), fra Pievepelago e la Garfagnana

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Quattro terremoti in un giorno. Ma sono stati giudicati troppo distanti per avere un collegamento. La terra ha tremato sull’Appennino Tosco-emiliano, in Sicilia, nelle Marche e in Liguria. Dei quattro, potrebbe essere un tipico terremoto dell’Appennino quello di magnitudo 3,8 avvenuto a Pievepelago (Modena), "sul crinale fra l’Emilia e la Garfagnana, una zona sismica ben conosciuta e della quale, purtroppo sappiano che ha una sismicità frequente".

"Non c’è alcuna relazione: le distanze fra i luoghi in cui sono avvenuti i terremoti sono di centinaia di chilometri perché possa esserci un nesso", ha detto il sismologo Carlo Meletti, della sezione di Pisa dell’Istituto Nazionale di geofisica e Vulcanologia (Ingv).

"E’ curioso che dopo un periodo di apparente calma si siano verificati quattro terremoti un po’ più forti e avvertiti dalla popolazione", ha aggiunto riferendosi al fatto che "negli ultimi tre mesi abbiamo avuto in Italia solo una scossa di magnitudo superiore a 4: di fatto, avere due terremoti importanti nello stesso giorno è solo una variazione statistica".

Dei quattro terremoti, il più profondo (24 chilometri) è quello avvenuto alle 12,24 nelle Marche, a Folignano, in provincia di Ascoli Piceno, e la cui magnitudo è stata ricalcolata in 3,9. Vengono subito in mente i terremoti tipici dell’Appennino, ma questo è un sisma diverso: "è localizzato lungo la costa delle Marche, in una fascia esterna che ha una sua sismicità", ha detto l’esperto. Si trova infatti in una zona compresa fra l’Appennino e la fascia esterna lungo la costa delle Marche, che una sismicità di tipo diverso. "Il terremoto è stato generato da un meccanismo trascorrente, ossia dallo scorrimento laterale si strutture profonde", mentre i terremoti appenninici sono di tipo distensivo e generati da strutture più superficiali. Ha delle sue peculiarità anche il terremoto di magnitudo 4.1 avvenuto in Liguria, a Bargagli (Genova).

"E’ una zona non molto sismica e nella quale non si sono rilevati storicamente terremoti troppo forti". Anche in questo caso il meccanismo è diverso da quello tipico dei terremoti dell’Appennino: "è infatti di tipo compressivo – ha detto Meletti – perché questa zona della Liguria è nell’area di congiunzione fra l’Appenino a Est e l’arco alpino a Ovest". I sismi più forti avvenuti in passato in questa zona hanno avuto una magnitudo fra 4 e 5. Anche il terremoto di magnitudo 3,6 in Sicilia, a Paternò (Catania), ha caratteristiche particolari: sebbene sia avvenuto nell’area dell’Etna, è stato generato da un meccanismo indipendente dal vulcano e legato a faglie che si trovano nella zona. "Paternò si trova in una zona alle pendici dell’Etna nella quale si sta rilevando una sismicità frequente da qualche settimana. Per questo – ha aggiunto il sismologo – non deve sorprendere". A generare il terremoto "potrebbero essere state faglie sismogenetiche importanti che si trovano a Sud dell’Etna e indipendenti dall’attività del vulcano".

Sandro Bennucci

Leggi anche:   Italia a Budapest con l'Ungheria (lunedì, 20,45, Rai1) per conquistare le Final Four e consolarsi dall'esclusio ne Mondiale. Formazioni

Calendario Tweet

ottobre 2022
L M M G V S D
« Set    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31