Referendum Russia, Guterres: “Violano la carta Onu”. Medvedev: “Pronti anche a usare le armi nucleari”

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

Sui referendum che Putin vuole nel Lugansk e a Donetsk è intervenuto il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres: "Sono profondamente preoccupato per le notizie sui piani per organizzare referendum in aree dell’Ucraina che attualmente non sono sotto il controllo del governo. Qualsiasi annessione del territorio di uno Stato da parte di un altro Stato risultante dalla minaccia o dall’uso della forza costituisce una violazione della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale".

Ma, da Mosca, Dmitry Medvedev fa sapere che la Russia andrà avanti e minaccia: "Si terranno referendum e le repubbliche del Donbass e altri territori saranno annessi alla Russia. La protezione di tutti i territori che hanno aderito sarà significativamente rafforzata dalle Forze Armate russe. La Russia ha annunciato che non solo le capacità di mobilitazione, ma anche qualsiasi arma russa, comprese le armi nucleari strategiche e le armi basate su nuovi principi, potranno essere utilizzate per tale protezione".

Lo scrive su Telegram il vicepresidente del consiglio di sicurezza Dmitry Medvedev, avvertendo che "l’ipersonico è in grado di raggiungere obiettivi in Europa e negli Stati Uniti molto più velocemente".

Ernesto Giusti

Leggi anche:   Energia: Giorgia Meloni promette nuovo decreto a novembre. E Zelensky la invita a Kiev

Calendario Tweet

ottobre 2022
L M M G V S D
« Set    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31