Siccità, Nardella: “Senza Bilancino Firenze morirebbe di sete”. Vero, ma dopo lo scandalo ci volle un prefetto. ..

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

BARBERINO DI MUGELLO – Offre un bel colpo d’occhio, la diga di Bilancino, non molto distante dall’Autodromo del Mugello. E la sua massa d’acqua conforta in questo periodo terribile di siccità. Oggi è andato a ispezionarlo il sindaco di Firenze, Dario Nardella. Che ha detto: "Il lago di Bilancino sta salvando tutta l’area metropolitana di Firenze. Se non fosse per questa opera, i cui meriti sono della classe politica degli anni ’80, regionale e locale, oggi avremmo una situazione di emergenza terribile, peggiore della grande siccità del 1985. Negli ultimi sono stati intensificati gli investimenti sulla rete idrica per diminuire la dispersione: grazie a questi interventi abbiamo 20 milioni di metri cubi in più di acqua che altrimenti sarebbe andata perduta. Complessivamente nel bacino abbiamo circa 65 milioni di mc di acqua disponibili su un totale di 69, la situazione è relativamente tranquilla e positiva".

Ancora Nardella: "Noi nell’area metropolitana al momento non abbiamo le condizioni per dover firmare ordinanze, tuttavia facciamo appello al buon senso e all’attenzione di tutti i cittadini per ridurre al massimo l’uso domestico dell’acqua – ha affermato il sindaco -. Non sappiamo quanto durerà questa siccità: se si dovesse protrarre per tutta l’estate e oltre, come successo per esempio nel 2017, dobbiamo prepararci e stare molto attenti. Se oggi siamo tranquilli è perché c’è stata una gestione molto oculata di tutto il sistema negli scorsi mesi, dobbiamo continuare su questa strada".

"Publiacqua è anche attrezzata per approvvigionare i piccoli acquedotti con le autobotti nel caso in cui dovesse perdurare la siccità – ha spiegato Nardella -. Bisogna anche dire che se ci fossero stati i comitati del ‘no’ allora oggi moriremmo tutti di sete. Sono gli stessi comitati che bloccano altre infrastrutture, mi viene in mente il rigassificatore di Piombino, dovrebbero riflettere sull’importanza di infrastrutture che servono per l’approvvigionamento di risorse come acqua, energia. Qui parliamo di uso domestico dell’acqua, rimane alta l’attenzione e la preoccupazione per quanto riguarda l’agricoltura: tuttavia possiamo essere tranquilli sul fatto che la rete idrica è molto efficiente. Con gli investimenti dei prossimi anni, inclusi quelli del Pnrr, noi arriveremo al 2024 a circa il 34% di perdite e ancora meglio andrà nel 2025. Se pensiamo che fino a pochi anni fa la rete idrica dell’area metropolitana fiorentina perdeva la metà di acqua disponibile ci rendiamo conto dei grandi passi fatti in avanti. Per questo credo che i cittadini possano essere comprensivi quando vedono i cantieri per rifare le tubature perché tutto questo si collega alla situazione terribile di siccità che stiamo vivendo".

Al sopralluogo hanno partecipato anche il presidente di Publiacqua Lorenzo Perra e il sindaco di Barberino di Mugello Giampiero Mongatti: "E’ piovuto molto meno, il 38% in meno rispetto alla media degli ultimi anni – ha detto Perra -. E’ stata fatta una accurata programmazione dei rilasci, l’invaso è pieno. Abbiamo ridotto perdite per 20 milioni di mc, è un terzo della dimensione del lago quello che ogni anno recuperiamo". "L’invaso di Bilancino, come da lui stesso sottolineato, è a tutti gli effetti una risorsa importante per tutta l’area metropolitana nei periodi più siccitosi dell’anno".

Leggi anche:   Francia, estradizione negata ex brigatisti. Giancarlo Caselli commenta: "Nessuno può diventare ex assassino"

Calendario Tweet

luglio 2022
L M M G V S D
« Giu    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031