Pnrr Italia: Giorgetti, “regioni non coinvolte, serviva risposta rapida alla Ue”

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPrint this pageEmail this to someone

ROMA – Il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha risposto alle critiche provenienti dalle Regioni che hanno lamentato il mancato coinvolgimento nella predisposizione del PNRR. “Il Governo non le ha coinvolte perché doveva rispondere velocissimamente all’Europa altrimenti perdeva la possibilità. Abbiamo confezionato nel modo migliore possibile un bellissimo piano che, come tutti i piani, resta un piano e va concretizzato e vissuto da tutti i protagonisti del piano stesso”, ha dichiarato Giorgetti in Commissione Sviluppo della Conferenza delle Regioni. “Il problema delle relazioni istituzionali e nei rapporti tra le Regioni e lo Stato torna fuori prepotentemente, quindi c’è la necessità di creare dei momenti. È stato proposto un tavolo istituzionale per un continuo confronto tra noi, le Istituzioni centrali e quelle Regionali, che comporti questo approccio di tipo pragmatico ed operativo”.

“Permettetemi di dire – ha aggiunto Giorgetti rivolgendosi a presidenti ed assessori regionali e provinciali –, che ci vuole un approccio pragmatico anche da parte dell’UE, perché il Piano scritto è stato scritto un anno fa. Poi qualcuno si è accorto che è successo qualcosa nel frattempo”. “Soprattutto non possiamo ignorare che il lodevole intento di definire una precisa tempistica per il raggiungimento degli obiettivi, pena punteggi, degradazioni, stop ai contributi, non ha nessun senso in questa logica qua e forse sarebbe più prudente, opportuno e intelligente dosare questi tipi di pietre miliari che devono essere raggiunte rispetto ad una situazione che è profondamente mutata nei settori”, ha concluso Giorgetti.

Leggi anche:   Wimbledon: Sinner illude, ma vince Djokovic, da 2-0 a 2-3

Calendario Tweet

luglio 2022
L M M G V S D
« Giu    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031